rotate-mobile
Attualità

Fondazione Toscanini, i sindacati revocano lo stato di agitazione

SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL, FIALS CISAL e RSA: “Apertura di credito verso la nuova governance ed il cambio di rotta sin qui operato”

Dopo l’incontro con il CDA per la presentazione del nuovo sovrintendente e l’illustrazione di massima delle prospettive per la Fondazione Toscanini (completamento dell’organico orchestrale secondo quanto previsto da accordo sindacale e successivo possibile allargamento, regolamento dei concorsi, stabilizzazione dei tempi determinati, diversa considerazione e comunicazione con il personale, uso più sensato ed equilibrato delle risorse), le rappresentanze sindacali costituite dalle segreterie provinciali e dalle RSA di SLC CGIL, FISTEL  CISL, UILCOM UIL, FIALS CISAL, hanno convocato i lavoratori in l'assemblea per informarli sull’incontro.

Alla luce delle risposte avute sulle questioni poste e delle prospettive illustrate, è stato proposta la revoca dello stato di agitazione (in essere in Fondazione ormai da più di un anno). La stragrande maggioranza ha votato a favore della revoca per dare comunque apertura di credito e fiducia a questa nuova governance, nonostante le numerose perplessità suscitate dalla manifestazione di interesse pubblicata dalla Fondazione, a soli quattro giorni dall'insediamento del M° Jais, per una nuova figura amministrativa.

"Siamo certi che per questa manifestazione di interesse, nell'ottica di una valorizzazione del personale già presente in Fondazione e di un'ottimizzazione dei fondi, verrà dato risalto alle risorse interne così come abbiamo sempre chiesto - affermano le sigle sindacali - anche perchè possono vantare crediti ed esperienza superiori a quelli richiesti: peraltro non è previsto nessun titolo di studio specifico".

Altre questioni, oltre a questa, dovranno essere affrontate con il nuovo Sovrintendente, M° Jais, a cui sarà chiesto presto un incontro per iniziare a discutere e trattare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Toscanini, i sindacati revocano lo stato di agitazione

ParmaToday è in caricamento