Fornovo, il contrasto al gioco d’azzardo parte dalla scuola

All’Itsos Gadda premiate le classi che hanno partecipato al concorso “Game Over Life”, progetto contro la ludopatia

All’Itsos C.E. Gadda di Fornovo  è andata in scena la giornata conclusiva di Game Over Life, un progetto per la prevenzione ed il contrasto del gioco d’azzardo patologico. Tappa finale è stata la realizzazione di un concorso che, nella mattina di ieri, ha premiato gli spot – realizzati dalle classi – che meglio illustrano i rischi connessi al gioco d’azzardo.

Il progetto, finanziato dall’Ufficio di Piano del Distretto Valli Taro e Ceno con fondi stanziati dalla Regione Emilia-Romagna, ha coinvolto gli studenti e insegnanti dell’Istituto, oltre ai professionisti del Servizio Dipendenze Patologiche (Ser.D.P.) dell’Ausl Parma- Distretto Valli Taro e Ceno, che dallo scorso inverno hanno approfondito, attraverso incontri e laboratori, i vari aspetti legati al gioco d’azzardo, svelandone meccanismi e probabilità di vincita.

“Il gioco t’incatena, scegli di essere libero”, è stato il messaggio del video vincitore del concorso, realizzato dagli studenti della classe II°C, indirizzo marketing del Gadda e premiato da una giuria composta da Lorenzo De Donno,  Direttore del Servizio Salute Mentale Adulti e Dipendenze Patologiche del Distretto Valli Taro e Ceno, Francesca Palombi e Debora Scorpiniti, psicologhe del Servizio Dipendenze Patologiche e referenti del progetto, il Sindaco di Fornovo Michela Zanetti, la giornalista collaboratrice della Gazzetta di Parma Donatella Canali e due rappresentanti dell’Associazione Giocatori Anonimi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prevenzione e la sensibilizzazione assumono un ruolo fondamentale nel contrasto al gioco d’azzardo: uno stile di vita sano e la consapevolezza che  “il banco vince sempre”,  sono l’arma più potente per contrastare un fenomeno che, anno dopo anno, assume dimensioni sempre più preoccupanti. Secondo i dati della Regione Emilia-Romagna infatti, nel 2015 a Parma e provincia sono stati spesi quasi 650 milioni di euro, di cui circa 60 milioni nel solo Distretto Valli Taro e Ceno. Oltre ad avere un inevitabile impatto economico e sociale, il gioco d’azzardo rappresenta spesso una vera e propria dipendenza patologica, dalla quale è difficile liberarsi senza  l’aiuto di professionisti qualificati. Chiunque  pensa di aver sviluppato questo problema o teme per un familiare, può contattare il Servizio Dipendenze Patologiche distrettuale, con accesso diretto oppure telefonico nelle sedi di Borgotaro (il lunedì  e venerdì dalle ore 8.30 alle 13.30, il mercoledì dalle 8.30 alle 13.00 ed il lunedì pomeriggio su appuntamento, oppure al numero telefonico 0525/970330)  e Fornovo (il martedì dalle 8.30  alle 13.00 e dalle 14.30 alle 15.30, il mercoledì e giovedì dalle 8.30 alle 13.30), oppure al numero telefonico 0525/300402): i professionisti Ausl possono offrire aiuto in totale anonimato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Nuova ordinanza: dal 26 giugno i posti a sedere su bus e treni possono essere occupati al 100%

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Ospedale Maggiore: nessun paziente Covid in terapia intensiva

Torna su
ParmaToday è in caricamento