E' morta Frida: la levriera scappata da strada Quarta

E' stata trovata sui binari

Frida, la levriera scappata da strada Quarta a Parma, è stata trovata morta sui binari. "Frida non c'è più. Purtroppo è stata trovata sui binari". E' questo l'annuncio del proprietario, che aveva lanciato un appello, tramite i social, per cercare Frida, scappata qualche giorno fa. "Con il cuore spezzato -scrive- ma con sincero affetto ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato alle ricerche fisicamente o anche solo condividendo i messaggi. E siete stati veramente tanti, oltre 2.000 solo le condivisioni del mio post e incalcolabili quelle su WhatsApp. Un segnale di sensibilità per gli animali che Frida sicuramente avrà apprezzato. Indescrivibile il nostro dolore ed il rammarico di averla persa dopo averla salvata dall'inferno di Spagna. È stata coperta d'amore e cure sanitarie, ha vissuto questi quasi due anni facendo piccoli progressi quotidiani. Purtroppo c'era ancora tanto da fare ma ha vissuto assaporando la serenità ricambiandola con tanto affetto. Ciao Frida, ci mancherai e mancherai a tuo "fratello" Silver che incredibilmente sta piangendo come avesse compreso la tragedia". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

Torna su
ParmaToday è in caricamento