Attualità Fidenza

"Ho perso tutto: danni per oltre 50 mila euro"

Viaggio tra le aziende agricole della Bassa parmense, falcidiate dalla grandinata e dalla tromba d'aria di ieri: la testimonianza del titolare di un'azienda agricola nelle campagne tra Fidenza e Busseto

"Ho perso tutto, non ho più nulla ed ora non ho nemmeno la forza di organizzarmi per chiedere i risarcimenti per quanto è appena successo". Faccia sconsolata e braccia incrociate, come chi si è visto distruggere - letteralmente davanti agli occhi - mesi e mesi di duro lavoro, un lavoro con il quale mantiene la sua famiglia. Peperoni, zucchine, pomodori, melanzane: tutto perso. La grandinata che ieri ha colpito le zone della Bassa parmense ha distrutto tutto.

Gli ortaggi sembrano crivellati dai colpi di una mitragliatrice: invece sono stati i pezzi di ghiaccio - a colpire le colture nei campi della nostra provincia. Una zona in ginocchio, con gli agricoltori che - per bocca della Coldiretti - chiedono la dichiarazione dello stato di calamità e i risarcimento per le ingenti perdire subite in poco più di mezz'ora di tempesta.

"Faccio questo lavoro da più di trent'anni e di raccolti, ovviamente, ne ho persi tanti: anche per le grandinate. Quella di ieri è stato qualcosa di impressionante: ero a casa e ho assistito alla distruzione dei miei campi, senza poter ovviamente intervenire in nessun modo. La grandine - con chicci di ghiaccio enormi - scendeva a dirotto, in obliquo. L'effetto era simili a quello di un bombardamento. La tempesta ha lasciato sul terreno migliaia di euro di perdite per la mia azienda agricola, come per quelle vicine".

Ora il pensiero è solo ai risarcimenti che, comunque, saranno parziali. "Prima il Covid-19 ed ora questa tempesta: non è possibile andare avanti così. Non immagino nemmeno quali saranno le conseguenze anche sui prezzi dei prodotti per il consumatore finale: sarà uno stillicidio. Abbiamo subito, impotenti, tantissimi danni anche perchè sono stati colpiti anche i mezzi agricoli, che si trovavano all'aperto". 

Da Parma, percorrendo la via Emilia verso Fidenza e poi, più in là, verso la Bassa, i danni si vedono a colpo d'occhio: nei campi le coltivazioni sono schiacciate sotto i colpi della violentissima grandinata di ieri pomeriggio. Stamattina gli agricoltori - tra Fidenza, Busseto, Colorno e San Polo Torrile, si sono svegliati ed hanno iniziato a fare la conta dei danni: milioni di euro andati in fumo in poco più di mezz'ora.

Poi ci sono i danni alle strutture e agli edifici pubblici, come la palestra di San Polo Torrile, i danni alle abitazioni private e alle automobili, per chi si trovava - in quel momento - lungo l'autostrada A1. Un territorio, già colpito dal Covid-19, che continua a soffrire ma si rialza, rimboccandosi le maniche per il futuro. "Certo non smetterò di fare quel che ho sempre fatto ma questo è un colpo grandissima alla nostra economia famigliare: come noi tante altre famiglie della Bassa hanno subito gravi danni. Noi ci rialziamo sempre". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ho perso tutto: danni per oltre 50 mila euro"

ParmaToday è in caricamento