I Nas di Parma fanno chiudere un centro estetico 'abusivo'

Sequestrati dispositivi sanitari e cosmetici

Il controllo dei carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Parma presso un centro estetico del capoluogo reggiano ha portato come conseguenza l'emanazione di un'ordinanza di chiusura dell'esercizio commerciale da parte del Sindaco di Reggio Emilia. Un provvedimento scaturito a seguito dell'ispezione igienico sanitaria effettuata dai N.A.S. presso un centro estetico del capoluogo reggiano dove è emerso come l'attività venisse esercitata senza la presentazione di SCIA (segnalazione di inizio attività) al comune e della nomina della figura del prescritto direttore tecnico.

Nel corso delle verifiche igienico sanitarie inoltre i carabinieri del N.A.S di Parma hanno rinvenuto e sequestrato in via amministrativa 158 confezioni di dispositivi sanitari (microsiringhe) in parte prive delle informazioni in lingua italiana ed in parte prive di qualsiasi informazione obbligatoria, una quindicina di confezioni di cosmetici prive in etichetta delle informazioni in lingua italiana. Al titolare dell'attività, un reggiano, sono state contestate violazioni amministrative e applicate sanzioni per un importo complessivo di circa 19.000 euro. Il valore commerciale dei prodotti sequestrati ammonta a circa 500 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Coprifuoco alle 23 e deroghe ai nonni per le feste di Natale: verso il Dpcm del 3 dicembre

  • Covid, oggi si decide: Parma potrebbe tornare in zona gialla

Torna su
ParmaToday è in caricamento