Il Coro dell’Opera di Parma porta doni per i ricoverati all’Ospedale dei nonni al Barbieri

Appuntamento di doni, coccole e sorrisi per i ricoverati del Dipartimento Geriatrico-Riabilitativo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

Gradita visita a tutti i reparti del Dipartimento geriatrico riabilitativo dell’Ospedale  Maggiore del Coro dell’Opera di Parma con Andrea Rinaldi, Rossana Guareschi e Fabio Tamagnini che hanno voluto dedicare un giorno di festa alle persone ricoverate nei reparti del Barbieri, consegnando un pensiero a tutti e una parola gentile. I pacchetti, una salvietta e un sapone profumato, sono stati distribuiti personalmente dai coristi accompagnati dal direttore del Dipartimento Geriatrico Riabilitativo Tiziana Meschi con la coordinatrice infermieristica degenza internistica Tiziana Vallara, Marcello Maggio direttore della Clinica Geriatrica, Anna Nardelli direttore della Geriatria e Fabio Pessina in rappresentanza della Medicina Riabilitativa.

“Difficilmente si pensa agli anziani anche se invecchiando diventiamo un po’ bambini – ha affermato Andrea Rinaldi, presidente del Coro dell’Opera di Parma, che ha aggiunto “la nostra presenza qui nasce anche da un’esperienza personale, ho avuto i genitori ricoverati in questa struttura e me li hanno rimandati a casa dopo aver ricevuto cure amorevoli e attente. Un gesto per i pazienti che vuole essere anche un ringraziamento al personale”.

“Un pensiero molto apprezzato e originale” ha sottolineato Tiziana Meschi quando ha concluso la distribuzione insieme ai corsiti ringraziati per la gentile attenzione riservata ai “suoi” pazienti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento