Il mercato della Ghiaia si sposta tra piazzale della Pace e via Garibaldi

Sabato 23 maggio non sarà attivo

Come anticipato nei giorni scorsi, per contemperare le richieste di operatori e residenti con il necessario rispetto delle misure di sicurezza previste dall’ultimo DPCM e dall’ordinanza regionale, il mercato della Ghiaia traslocherà solo parzialmente. Infatti, ai sensi delle disposizioni previste dalle ordinanze e dai protocolli regionali, al fine di garantire la corretta distanza di sicurezza ai frequentatori ed agli operatori, si è deciso di spostare alcuni banchi, normalmente posizionati in piazzale San Bartolomeo, Piazza Ghiaia e lungo Via Carducci, ricollocandoli nella piazzetta prospiciente via Bodoni e in piazzale della Pace, nella parte recentemente pavimentata in prossimità del monumento a Verdi e nel corridoio che porta verso via Garibaldi, a fianco della Caserma dei Carabinieri.

Definita ed approvata dalla Giunta la disciplina per regolamentare lo svolgimento dei mercati, nei prossimi giorni, una volta ridefinito il nuovo layout dei banchi, questi verranno collocati, sulla base della graduatoria vigente, nei nuovi posteggi individuati nelle aree sopra indicate. Considerati i tempi necessari per potere svolgere al meglio queste attività e per organizzare le misure di sicurezza, d’accordo con le associazioni di categoria, il mercato della Ghiaia di sabato 23 Maggio non si terrà. Nei prossimi giorni verranno date indicazioni più precise in merito al giorno di ripresa del mercato storico di Parma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 ristoranti a Parma: ecco quali sono i locali visitati

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Viola il coprifuoco per andare a trovare la fidanzata: giovane multato per 400 euro

  • Firmato il nuovo Dpcm: tutte le restrizioni a Parma dal 16 gennaio al 5 marzo

  • Parma si prepara alla protesta del 15 gennaio: ristoranti aperti contro i divieti

Torna su
ParmaToday è in caricamento