Giovedì, 29 Luglio 2021
Attualità

Il Tour delle pediatrie fa tappa all’Ospedale dei bambini per creare rete tra associazioni pediatriche e professionisti

Durante l’incontro Respiro libero ha donato una strumentazione all’Ambulatorio di allergologia pediatrica del Maggiore

“Ripartiamo”: più che una speranza una certezza, quella che ha dato il via all'idea di  Alberto Martelli già primario della Pediatria di Garbagnate Milanese e dell'associazione Davide il drago odv nel compiere un giro dell'Italia in bicicletta: venti tappe da Pavia a Palermo, incontri formativi nelle pediatrie e tanta voglia di incontrarsi e ricominciare a fare rete.

La seconda tappa di questa carovana composta da quattro ciclisti e dai volontari dell'associazione, affiancati da Respiro Libero di Parma, si è fermata a Parma, all’Ospedale dei bambini “Pietro Barilla”. Un’occasione di incontro e condivisione per i professionisti che operano nelle pediatrie con l’obiettivo di creare rete tra le associazioni che lavorano al fianco dei reparti per supportare pazienti e famiglie.

Durante la presentazione del progetto l’Associazione Respiro libero, Associazione per la qualità della vita dei bambini e dei ragazzi allergici odv, ha donato  un’apparecchiatura all’Ambulatorio di allergologia pediatrica dell’Ospedale dei bambini, di cui è responsabile Carlo Caffarelli e che fa capo alla Clinica pediatrica diretta da Susanna Esposito.

Si tratta di uno strumento portatile (FeNoBreath), un dispositivo di analisi dell’ossido nitrico (NO), a batterie ricaricabili per bambini allergici.

“Per Respiro libero, Associazione per la qualità della vita dei bambini e dei ragazzi allergici, - ha dichiarato la presidente Margherita Marchiani - questa donazione è un piccolo grande risultato che speriamo possa significare tanto nelle cure dei bambini con problemi di asma e allergie, ed è stato possibile grazie a tutti coloro che ci hanno donato il 5x1000”.

"Un grande grazie a Respiro libero per la donazione del FeNoBreath, apparecchio estremamente utile per rispondere ai bisogni dei bambini con asma durante il follow-up”, è arrivato da Carlo Caffarelli e da Susanna Esposito.

“Questo evento - prosegue Caffarelli - fa parte del progetto del dott. Martelli, finalizzato ad introdurre uno schema integrato nazionale di collaborazione tra le associazioni che si occupano della salute dei bambini, in particolare di quelli con allergia. Siamo orgogliosi che sia stato chiesto di partecipare all’iniziativa. Una più stretta collaborazione tra le associazioni permette lo scambio di utili informazioni, idee ed esperienze che consentiranno di supportare maggiormente l’attività medica per dare risposta ai bisogni della comunità.”

“Davvero un’importante occasione di confronto – ha concluso Susanna Esposito - ora, più che mai, fondamentale in quanto stiamo coordinando un documento di consenso, che vede coinvolti più di 100 pediatri e infermieri dell’Emilia-Romagna, per condividere la modalità di gestione dell’asma bronchiale in età pediatrica. Un documento nato dalla consapevolezza che per la gestione di questi pazienti è importante un’appropriata gestione degli interventi nella fase pre ospedaliera e la promozione di modalità di assistenza tempestiva con il coinvolgimento di tutti gli operatori sanitari”.

Si unisce ai ringraziamenti espressi dal personale della Clinica pediatrica al dottor Martelli e all’associazione Respiro Libero per la donazione, il direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Massimo Fabi. “Condividere esperienze tra pediatrie e associazioni mettendole a disposizione in un’ottica di sistema è un patrimonio che arricchisce tutti, aiutandoci a trovare le risposte di cura e di assistenza più vicine ai pazienti e alle loro famiglie”.

­­­­­­­­­­­­­

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Tour delle pediatrie fa tappa all’Ospedale dei bambini per creare rete tra associazioni pediatriche e professionisti

ParmaToday è in caricamento