In Oncoematologia pediatrica le associazioni completano il salottino per bambini e adolescenti

Il completamento dell’ “angolo bambini” è stato donato da Noi per Loro e Giocamico grazie al sostegno ricevuto dalla famiglia di Cecilia Antognozzi e dai figli e dalla sorella di Raffaela Varalla

Giocare alla play station o vestire le bambole non è proprio la stessa cosa, un adolescente ha esigenze diverse rispetto ad un bambino o una bambina. Che vanno rispettate perché il gioco è una cosa seria, anche in un reparto ospedaliero. E così le due associazioni, presenze assidue all’Ospedale dei bambini di Parma come Noi per Loro e Giocamico, hanno deciso di completare il salottino del primo piano dell’Oncoematologia pediatrica per consentire ad ogni paziente ricoverato di ricavarsi uno spazio adeguato dove dedicarsi alle sue attività preferite, contenendo le interferenze dei grandi o dei piccoli, a seconda dei casi.

Se l’investimento iniziale per creare “l’angolo adolescenti” era stato sostenuto dall’EuropeanClubEuropeo (studenti, famiglie e personale del liceo Giacomo Ulivi di Parma), il completamento dell’ “angolo bambini” è stato donato da Noi per Loro e Giocamico grazie al sostegno ricevuto dalla famiglia di Cecilia Antognozzi (Noi per Loro) e dai figli e dalla sorella di Raffaela Varalla che grazie alle offerte raccolte tra gli amici di Raffaela hanno integrato la cifra necessaria per l’intervento.

Ed ora il salottino, funzionale e colorato, è a disposizione dei pazienti degenti dell’Oncoematologia pediatrica, che possono così trovare uno spazio di svago durante i loro periodi di ricovero che possono essere anche molto lunghi, ma anche dedicarsi ai laboratori per gli adolescenti e alle lezioni della Scuola in Ospedale.

Al ringraziamento erano presenti figli e sorella di Raffaela Varalla, Cristina Premoli e Corrado Vecchi di Giocamico, Nella Capretti di Noi per Loro oltre al personale del reparto rappresentato dalla coordinatrice infermieristica Maria Luisa Zou e dalla direttrice del reparto Patrizia Bertolini.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Ecco cosa si può fare da lunedì 11 gennaio a Parma

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento