Martedì, 22 Giugno 2021
Attualità

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino al 25 gennaio

Tutte le informazioni

A seguito delle proiezioni di Arpae relative al possibile sforamento dei valori limite giornalieri del PM10, per tre giorni, a decorrere da quello di controllo, sono prorogate le misure emergenziali che prevedono lo stop ai diesel Euro 4. Il provvedimento rientra tra quelli previsti a livello regionale in base alle misure adottate dalla Regione Emilia Romagna lo scorso 13 gennaio 2021, alla luce dell’emergenza Covid-19 vigente e collegate al Pair.   

Le misure emergenziali per la qualità dell'aria sono pertanto prorogate fino a lunedì 25 gennaio compreso. 

Il nuovo meccanismo prevede, infatti, l’emissione dei bollettini ARPAE nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì, effettuati non più sui dati di rilevamento dei giorni precedenti, ma con un sistema di valutazione integrato che si fonda sulla previsione meteorologica e di qualità dell’aria per i giorni successivi, prevedendo i possibili sforamenti.    

Le misure emergenziali prevedono: la limitazione della circolazione dei veicoli diesel Euro 4, dalle 8.30 alle 18.30, entro l'anello della tangenziale; l’abbassamento temperature medie nelle abitazioni fino a 19° e negli spazi commerciali e ricreativi fino a 17°; divieto di combustione all'aperto (residui vegetali, falò, barbecue, fuochi d'artificio); divieto di uso di biomasse per il riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo) con classe di prestazione energetica ed emissiva <4*; divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli; divieto di spandimento di liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili. 

Sono confermate le limitazioni al traffico, dalle 8.30 alle 18.30, entro l'anello della tangenziale, per veicoli a benzina pre – euro, Euro 1 e Euro 2; cicli e motocicli pre – euro ed Euro 1, oltre che per i veicoli bifuel omologati pre euro ed Euro 1 e per i diesel fino ad Euro 4. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino al 25 gennaio

ParmaToday è in caricamento