rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Attualità

Intelligenza artificiale per la Gastroenterologia del Maggiore grazie alla donazione di Snupi

Il sistema consente di individuare lesioni dell’apparato gastrointestinale durante le procedure di gastroscopia e colonscopia

L’associazione Snupi, grazie al contributo di Barilla unitamente alla ditta Oiki, ha donato alla Gastroenterologia ed endoscopia digestiva dell’Azienda ospedaliera-Universitaria di Parma diretta da Gian Luigi de’ Angelis un Sistema di Intelligenza Artificiale per la individuazione di lesioni dell’apparato gastrointestinale durante le procedure di gastroscopia e di colonscopia.

Il sistema ha lo scopo di individuare e segnalare regioni con caratteristiche visive coerenti con diversi tipi di anomalie della mucosa gastrica e colonrettale che possono essere associate a dei polipi, compresi quelli con morfologia sessile (ossia non polipoide).

“L’importanza delle donazioni, visto il significativo impegno di risorse – ha dichiarato il presidente di Snupi Giulio Orsini - avvengono in questa occasione attraverso una collaborazione tra più benefattori che si uniscono per il raggiungimento di obiettivi ambiziosi e anche complessi, ma fondamentali per migliorare la qualità del servizio reso dall’Ospedale ai pazienti e quindi migliorare la qualità di vita di tutti noi”.

“L’importanza delle tecnologie è ormai nota – spiega il direttore Gian Luigi de’ Angelis affiancato dal personale medico e dalla coordinatrice infermieristica Cristina Menozzi  - come è nota la velocità con cui queste cambiano evolvendo ogni giorno grazie alla ricerca e alla sperimentazione nei settori specifici. La “intelligenza artificiale”, al di là del fatto che non può sostituire la mente umana, può contribuire in maniera importante alla cosiddetta “adenoma detection rate dell’operatore”, ovverossia alla sua capacità di riconoscere neoformazioni che a volte per dimensioni e per posizione possono sfuggire alla visione standard. Da qui la necessità di aggiornamento continuo delle tecnologie che si traduce nella formazione del personale sanitario e nel miglioramento della assistenza clinica dei pazienti. Ancora una volta grazie ai nostri benefattori riusciamo a rafforzare la dotazione tecnologica del nostro reparto ed il potenziale assistenziale”.

Alla donazione erano presenti Andrea Belli e Francesco Giliotti per Barilla e Giovanni e Alessandro Bettuzzi di Oiki che hanno dichiarato: “E’ per Oiki un grande onore poter supportare le attività di donazione soprattutto quando queste vengono restituite al territorio a favore delle persone più in difficoltà. Ringraziamo Giulio Orsini e l’associazione Snupi per la passione e la dedizione che sviluppano a favore di tutti noi”.

“Questa donazione a più mani – conclude il direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Massimo Fabi - testimonia la vicinanza all’Ospedale di Parma da parte della realtà produttiva di questa città e dell’associazione Snupi che ha saputo fare squadra per un risultato prestigioso che consente alla Gastroenterologia ed endoscopia digestiva di Parma di essere sempre un punto di riferimento nella diagnosi e nell’assistenza. A voi tutti e al personale sanitario che tanto si è speso e si sta spendendo per garantire alti livelli di cura ai pazienti nonostante il difficile periodo, il mio grazie più sincero”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intelligenza artificiale per la Gastroenterologia del Maggiore grazie alla donazione di Snupi

ParmaToday è in caricamento