"Io, al lavoro con il bus affollato e pieno di gente senza mascherina"

Il racconto di una parmigiana: "La distanza di sicurezza non viene rispettata: l'autista ha invitato i passeggeri a mettere la mascherina ma è stato ignorato"

"Durante la pandemia, nei mesi del lockdown fortunatamente ho continuato a lavorare e ho preso, tutti i giorni, lo stesso autobus: la linea 23 in direzione San Secondo che passa davanti al Barilla Center alle ore 7.34" ci racconta una giovane parmigiana che ha deciso di rendere pubblica la situazione di disagio in cui si trova, a partire dal mese di maggio, a bordo del bus che prende ogni giorno.

"Dai primi giorni di maggio quello stesso autobus - che ho continuato a prendere - è sempre pieno di gente. Le distanze di sicurezza non sono rispettare e molte persone non indossano la mascherina che, sui bus, è obbligatoria. In particolare una persona non la metto mai: l'autista lo ha sollecitato due o tre volte ma questa persona continua a ignorare i suoi inviti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Ecco cosa si può fare da lunedì 11 gennaio a Parma

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento