L’Assemblea dei Sindaci ha approvato il bilancio di previsione della Provincia

Ecco tutti gli interventi previsti

Stamattina l’Assemblea dei Sindaci dei Comuni del Parmense ha espresso parere favorevole sul Bilancio di Previsione 2021-2023 della Provincia. Il voto era ponderato e si sono espressi a favore il 59,1 dei Comuni, pari all’ 82,8% della popolazione.


Il bilancio è stato illustrato dal Presidente Rossi, che ha segnalato un aumento delle disponibilità sulle manutenzioni ordinarie grazie ai maggiori trasferimenti del Governo dal 2017 in poi e la riduzione del contributo richiesto per il miglioramento della finanza pubblica; le spese si concentrano su strade e scuole, senza dimenticare altri Beni patrimoniali, come la seggiovia di Lagdei e la Reggia di Colorno.


“Siamo ancora lontani dalle esigenze delle nostre infrastrutture e dell’edilizia scolastica, ma stiamo invertendo il trend negativo degli anni passati – ha affermato Rossi -  Abbiamo lavorato anche sulla riorganizzazione dell’Ente, con nuove assunzioni che coprono il turnover, per utilizzare al meglio le risorse. Ci siamo messi a disposizione dei Comuni, con attività di coordinamento e di supporto, in materia legale e come Stazione unica appaltante e per i progetti di Parma 2020; in questo caso abbiamo esercitato uno sforzo di natura politica, andando oltre le nostre strette competenze, e lo abbiamo potuto fare anche grazie ad un bilancio solido. Questo continua ad essere il nostro obiettivo per il 2021, a cui guardiamo con fiducia.”
Il Dirigente del Servizio Finanziario dott. Menozzi ha fornito le cifre: il livello di entrate tributarie previste è pre-crisi, per 36,35 milioni di euro, le spese complessive previste sono di 74 milioni di euro. Sul 2021 si prevedono Spese correnti su strade e ponti per 9,5 milioni e per 5,2 di interventi sulle scuole, con  20 milioni di investimenti per nuove opere. , il personale: grazie alle nuove assunzioni arriva a 153  unità (erano 413 nel 2014), e altri concorsi sono in programma per il 2021, per 16 nuove figure nel triennio.

Tutti i Sindaci intervenuti hanno ringraziato la Provincia per il lavoro svolto a favore dei piccoli Comuni, per la costante collaborazione, e il Presidente Rossi anche per il supporto e il coordinamento fornito sulla pandemia. Tra questi Riccoboni sindaco di Albareto, Cesari (Sorbolo Mezzani), Peracchi (Varsi), Pizzarotti (Parma).


Lucchi sindaco di Berceto ha votato contro, criticando ancora una volta la riforma Del Rio delle Province, critiche condivise poi da altri sindaci, e ha espresso l’augurio che la pandemia porti un cambiamento reale.


Bodria sindaco di Tizzano  ha chiesto maggiori interventi sulle strade per migliorare i collegamenti col capoluogo.
Alzapiedi (Valmozzola) ha proposto un abbassamento della tassa su RcAuto. Serpagli (Bedonia) ha espresso preoccupazione per i  programmati passaggi di strade all’Anas e ha auspicato  una pressione politica per salvaguardare gli interessi del territorio.

Hanno ringraziato in modo particolare i Delegati alla Viabilità Bertocchi e alla scuola Spina: il sindaco di Salsomaggiore Fritelli, Serpagli e Giovannelli (Medesano). Massari sindaco di Fidenza ha sottolineato l’unico aspetto positivo della riforma Del Rio: che ha fatto a lavorare insieme i Sindaci.

Rossi, rispondendo alle domande di Alzapiedi e Serpagli sui finanziamenti previsti per il ponte sul Mozzola ha chiarito che sono già stati stanziati 3 milioni di euro sul bilancio 2020, oltre ai 500 mila del bilancio 2021 e che la Provincia interverrà su tutti i suoi ponti.

Quello di stamattina è stato il secondo passaggio dell’iter amministrativo: dopo l’approvazione in Consiglio della settimana scorsa, ora il Bilancio tornerà al Consiglio martedì 22 dicembre, per l’approvazione definitiva.

La seduta si è svolta in modalità videoconferenza, per assicurare il rispetto dei protocolli di sicurezza approntati dall’Ente in ordine all’emergenza sanitaria da Covid-19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 ristoranti a Parma: ecco quali sono i locali visitati

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Viola il coprifuoco per andare a trovare la fidanzata: giovane multato per 400 euro

  • Parma scongiura la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento