rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Attualità

ll Comune di Parma aderisce al Manifesto della comunicazione non ostile

La firma del Sindaco e del Presidente del Consiglio Comunale

Il Comune di Parma ha aderito al “Manifesto della comunicazione non ostile” con la sua sottoscrizione da parte del Sindaco, Federico Pizzarotti, e del Presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Tassi Carboni. Al momento ha partecipato Cristina Di Patria, Presidente della “Commissione consiliare temporanea per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza”.

Il “Manifesto della comunicazione non ostile" è un decalogo, nato nel 2017, grazie all’Associazione “Parole O_Stili” con l'obiettivo di favorire comportamenti rispettosi e civili affinché il web, in particolare, sia un luogo di crescita e confronto, non di scontro continuo, dove riversare, con estrema facilità, parole di odio e violenza. Tradotto in 30 lingue, è suddiviso in 7 declinazioni rivolte a: politica, Pubblica Amministrazione, sport, infanzia, aziende, scienza e inclusione.    

La “Commissione consiliare temporanea per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza”, istituita a Parma per condividere l’opera che Liliana Segre conduce in Senato contro l’Hate speech, ha invitato l'Amministrazione alla sottoscrizione del manifesto stesso, nella declinazione che le compete. Il Consiglio Comunale ha votato a larga maggioranza l’adesione e la Giunta Comunale ne ha condiviso le finalità. 

Quale significato assume questa firma? “Come hanno già fatto altri Comuni- afferma la Presidente della Commissione Cristina Di Patria - anche la nostra Amministrazione, firmando, vuole ribadire quanto sia importante impegnarsi in prima persona ad osservare e promuovere i dieci principi contenuti nel decalogo per un uso del linguaggio più consapevole e responsabile, specialmente da parte di chi ricopre cariche politiche o istituzionali. Il Manifesto è un invito a non sottovalutare un fenomeno, quello dell’hate speech, che oggi permea diffusamente gli stili comunicativi”.   

La “Commissione temporanea” è composta dalla Presidente Cristina Di Patria, e dai consiglieri comunali: Paolo Azzali, Daria Jacopozzi, Alessandro Mallozzi, Nabila Mhaidra, Roberta Roberti e Alessandro Tassi Carboni. La sottoscrizione rappresenta il primo frutto del lavoro avviato a febbraio, che prosegue, ora, con la valutazione di alcune iniziative di ulteriore sensibilizzazione che l’Amministrazione può attivare per il raggiungimento degli obiettivi illustrati e ben esplicitati dal Manifesto. “A tal fine, i Consiglieri incaricati rivolgono alle associazioni del territorio che operano su questi temi - afferma la consigliera Daria Jacopozzi - l’invito a prendere contatto con la Commissione, per poter dare vita ad eventuali e proficue sinergie”. Riferimenti: cons.dipatria@comune.parma.it e cons.jacopozzi@comune.parma.it 

Soddisfazione è stata espressa dal Sindaco, Federico Pizzarotti, che ha dichiarato: “Aderiamo con convinzione al manifesto per sensibilizzare al corretto utilizzo delle parole, che spesso possono diventare violente armi di offesa e di prevaricazione. Nel web, in special modo nei social, il linguaggio utilizzato sta diventando sempre più violento e intollerante, è un fatto grave da non sottovalutare. Dobbiamo educare ed educarci a un linguaggio rispettoso e dialettico". 

Il Presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Tassi Carboni, ha sottolineato l’importanza della sottoscrizione di un documento che riporta al rispetto e ad un uso consapevole del linguaggio. “Abbiamo fatto la cosa facile aderendo al Manifesto. La parte difficile sarà la concretizzazione dei suoi principi e la loro messa in pratica: una sfida che ci dovrà vedere tutti uniti”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ll Comune di Parma aderisce al Manifesto della comunicazione non ostile

ParmaToday è in caricamento