Martedì, 22 Giugno 2021
Attualità

L'importanza di donare sangue, oggi a Parma l'Assemblea regionale dei soci Avis dell'Emilia-Romagna

Nel 2019, nella nostra provincia, donate 23.690 unità di sangue intero

Più che una semplice assemblea, un incontro tra persone e amici legati da un ideale e da una scelta di vita comune: la generosità, il senso del dono.

É l’atmosfera che si respirava questa mattina a Parma, nella sala congressi dell’Hotel Link 124, dove si è svolta la 49esima Assemblea regionale dei soci Avis dell’Emilia-Romagna, all’insegna del tema - ‘Un mondo di donazioni: Avis e il modello trasfusionale italiano nel panorama internazionale” - pensato per il 2020, in cui l’Italia doveva essere protagonista delle celebrazioni della Giornata mondiale del donatore. Il Covid-19 ha fatto saltare i programmi, ma non la voglia di continuare a donare e a farlo in modo sempre più efficace, anche in Emilia-Romagna. Regione che già oggi rappresenta un punto di riferimento per il sistema trasfusionale nazionale, di cui Avis regionale è, con i suoi 149mila soci, componente attiva e determinante: seconda in Italia - come ha ricordato il suo presidente, Maurizio Pirazzoli - dopo la Lombardia.

A salutare i partecipanti - chi dal vivo e chi da remoto come le norme di sicurezza sanitaria impongono - c’era anche il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che si è fatto interprete della comunità emiliano-romagnola nel ringraziare tutti i donatori e le donatrici di sangue, del gruppo Avis ma non solo, per la generosità di cui stanno continuando a dare prova in questi difficili tempi. Anche nei primi otto mesi del 2020, infatti, la nostra regione è riuscita a contribuire all’autosufficienza nazionale, cedendo a quelle deficitarie 5.510 unità di sangue. 

“Sono contento, e non lo dico in modo rituale, di essere di nuovo qui, dopo l’assemblea nazionale dello scorso anno a Riccione, anche solo per dirvi grazie e per confermarvi il nostro massimo sostegno- ha affermato nel suo saluto Bonaccini-. Perché se l’Emilia-Romagna anche sul fronte delle donazioni può dirsi una tra le regioni più virtuose, lo dobbiamo certamente a un sistema regionale sangue solido e innovativo, ma soprattutto alla generosità dei donatori e alla capacità delle associazioni di lavorare bene insieme. Anche in questi mesi durissimi- ha sottolineato Bonaccini- voi c’eravate, ogni giorno, con il vostro impegno e le vostre donazioni, nonostante le paure e le difficoltà, e insieme ai medici e agli infermieri avete continuato a prodigarvi per la salute di tutti. Ed è quasi commovente sentire che qui, in Emilia-Romagna, proprio nel periodo più difficile sono state centinaia le persone che si sono offerte per diventare donatori”.

"L’Emilia-Romagna rappresenta un punto di riferimento per il sistema trasfusionale nazionale e Avis Regionale ne è componente attiva, con la forza dei suoi 149.000 soci- ha ricordato il presidente Pirazzoli-. È un orgoglio che vogliamo condividere nell’Assemblea regionale annuale, dove il confronto democratico e la progettazione futura trovano opportuni spazi".

Presenti all’Assemblea anche il presidente di Fidas Emilia-Romagna, Michele Di Foggia, e la presidente di Admo, Rita Malavolta.

Sangue: i dati dei primi 8 mesi 2020 in Emilia-Romagna

L’Assemblea è stata anche l’occasione per fare il punto - con i dati forniti dalla direttrice del Centro Regionale Sangue, Vanda Randi - sull’andamento delle donazioni in Emilia-Romagna nei primi otto mesi dell’anno. Sono lievemente diminuite (-3,5%), le unità di sangue intero donate: 133.708 contro 138.609 dello stesso periodo del 2019, a fronte di un medesimo calo nel consumo delle unità dovuto alla riduzione dell’attività clinica a seguito della pandemia. Sono infatti diminuite del 5,8% le unità trasfuse rispetto allo scorso anno (120.813 negli 8 mesi 2020 contro 128.284 del 2019). Aumentano invece le unità raccolte in aferesi, che passano da 41.741 a 46.596 con un aumento del 11,6%. L’Emilia-Romagna è comunque riuscita a contribuire all’autosufficienza nazionale cedendo alle regioni deficitarie 5.510 unità di sangue; inoltre in luglio ha donato all’ospedale di Kabul 2.730 flaconi di Fattore VIII antiemofilico.

Anche nel 2019 l’Emilia-Romagna - con i suoi 138.241 donatori, di età media tra i 40 e i 45 anni - aveva l’indice di donazione, cioè il numero di donazioni effettuate per 1.000 abitanti, tra i migliori d’Italia: 62,5, a fronte del 49,4 a livello nazionale.  

Dati 2019, provincia di Parma

Nel 2019, l'andamento delle unità raccolte e trasfuse nella provincia di Parma segue il trend regionale mostrando però un leggero incremento delle unità di sangue intero raccolte rispetto al 2018 (+2%), in linea con l'incremento delle unità trasfuse. Sono state raccolte infatti 23.690 unità di sangue intero contro le 23.227 dell'anno precedente, in leggera diminuzione invece la raccolta di aferesi (-3%). Migliora l'indice di donazione per 1.000 abitanti, che è pari a 60,9, (era 60,4 nell'anno precedente). Il Servizio Trasfusionale di Parma ha consegnato 3.406 unità di sangue al Centro Regionale Sangue, in modo da contribuire all'autosufficienza regionale e nazionale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'importanza di donare sangue, oggi a Parma l'Assemblea regionale dei soci Avis dell'Emilia-Romagna

ParmaToday è in caricamento