menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La rivolta dei commercianti: "Centro storico tra spaccio, degrado e baby gang: non ne possiamo più"

Dopo l'aggressione al 15enne in piazza Ghiaia abbiamo raccolto le voci di alcuni negozianti: "Alcuni ragazzini stanno tutto il giorno sugli scalini, si drogano e si ubriacano"

Dopo l'aggressione ai danni di un 15enne in piazza Ghiaia abbiamo ascoltato alcuni commercianti della zona - tra piazza Ghiaia e via Mazzini - per capire se, secondo loro, le condizioni di sicurezza sono migliorate rispetto a qualche mese fa. 

"Il centro non è più quello di una volta - ci racconta un negoziante. La Ghiaia, per esempio, è cambiata tantissimo. C'è della brutta gente: che siano o meno i responsabili degli ultimi furti non lo so ma non gira della bella gente. Secondo me la piazza andrebbe illuminata a giorno, come deterrente per i ladri. Ho sentito i mieri vicini: dicevano che le telecamere l'altro giorno erano spente. La situazione non è sostenibile: tra i ragazzini che stazionano sugli scalini in viale Mariotti e si ubriacano tutto il giorno e le persone che chiedono l'elemosina la Ghiaia purtroppo non è più quella di una volta".

"Chiedo più controlli, le forze dell'ordine dovrebbero girare più spesso - ci riferisce un secondo commerciante della zona del centro. Qui ci sono spacciatori e senzatetto, spero che controllino in modo più ".

"Nella zona tra via Mazzini, Teatro Regio e piazza Ghiaia - si racconta un residente - ci sono diversi controlli ma dopo le undici e mezza di sera girano giovani, magari tossici, si ubriacano sulle panchine vicine al Conad, lasciano vetro in giro. Si drogano. L'altro giorno due negozi sono stati anche colpiti dai vandali. Se non fosse per la presenza di un ristorante  Piazza Ghiaia sarebbe una grossa zona di spaccio". 

"Anche per me mancano dei controlli - ci riferisce una giovane donna che gestisce un negozio -  per quanto riguarda la sorveglianza e le luci di notte, che sono spente. La zona è molto poco affidabile: ci sono alcune persone senza lavoro che stanno tutto il giorno in piazza e io mi sento osservata da loro". 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Attualità

Temporali e piene dei fiumi: allerta rossa nel parmense

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 2 morti e 70 nuovi casi

  • Cronaca

    Parma resta in zona arancione

  • Sport

    Vigilia contro la Samp, D'Aversa: “Abbiamo ancora qualche infortunio”

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento