Langhirano: falsa raccolta fondi per il Centro cure progressive dell’Ausl

L’Azienda sanitaria informa le forze dell’ordine e avvisa: “Non si tratta di personale autorizzato”

In questi giorni, alcune persone di Langhirano  hanno segnalato di aver ricevuto telefonate da presunti volontari  del Centro di Cure Progressive dell’AUSL, in cerca di donazioni in denaro da devolvere a questa struttura aziendale. Nella telefonata, viene anche concordato un giorno, in cui questi sedicenti volontari  passeranno a casa per riscuotere la donazione.

L’Azienda USL di Parma, che ha informato le forze dell’ordine, invita i cittadini a non consegnare somme di denaro e accettare visite a casa: queste persone non sono dipendenti del Centro, né personale volontario autorizzato dall’Azienda a svolgere tale attività. I cittadini che ricevono questa richiesta sono invitati a contattare tempestivamente le forze dell’ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento