rotate-mobile
Attualità

Le sfide del packaging circolare: l'Università di Parma capofila del progetto

Presentato al Centro Sant’Elisabetta il corso di alta formazione

Il Centro Sant’Elisabetta dell’Università di Parma ha ospitato nei giorni scorsi l'evento di presentazione del Corso di alta formazione sul packaging "Le Sfide del Packaging Circolare", in vista della prima Summer school in programma per la seconda metà di giugno.

Il corso è organizzato dal Dipartimento di Ingegneria e Architettura (docenti di riferimento Daniel Milanese, Paolo Marco Tamborrini e Roberto Montanari) e dal Dipartimento di Scienze Chimiche, della vita e della Sostenibilità Ambientale (docente di riferimento Antonella Cavazza) grazie al finanziamento della Regione Emilia-Romagna. Il percorso formativo sarà articolato seguendo le più recenti evoluzioni nelle diverse aree tematiche che fanno capo all’argomento del packaging nell’ambito dell’economia circolare. Il modello di formazione proposto mirerà a generare competenze utili a una valutazione olistica del ruolo e delle peculiarità del packaging nell’economia circolare. Per questo verranno offerti moduli a copertura di un ampio ventaglio di tematiche:

innovazione nei materiali e processi di trasformazione

modelli di gestione dei materiali e prodotti a fine vita d’uso

il ruolo del packaging nell’economia circolare

modelli di valutazione degli impatti socio-ambientali

evoluzione della policy a livello locale, nazionale ed internazionale

Il progetto, che testimonia il ruolo di rilievo dell’Ateneo nel settore del packaging, coinvolge, oltre all’Università di Parma che è capofila e proponente, anche l’Università di Modena e Reggio Emilia e l’Università di Bologna. Sono inoltre partner l'Università di Santiago del Cile, con cui è stata di recente avviata una convenzione, Infopackaging, UCIMA e Manpower che, attraverso l’intervento di Lorenzo Buscarino, ha ribadito la grande attenzione del mondo del lavoro per il comparto packaging. Strategico punto di forza del progetto è lo stretto legame con il territorio: per ogni edizione ci sarà il coinvolgimento di almeno 5 aziende, leader del settore, attraverso visite sul campo negli stabilimenti produttivi.

La presentazione è stata preceduta dagli esami di fine corso degli studenti e delle studentesse del Master in Packaging dello scorso anno e dalla consegna degli attestati a chi ha conseguito il titolo, includendo anche studenti e studentesse degli anni precedenti che avevano sostenuto l'esame finale in modalità a distanza a causa della pandemia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le sfide del packaging circolare: l'Università di Parma capofila del progetto

ParmaToday è in caricamento