Leishmaniosi, una donna contrae la malattia: al via controlli sanitari su oltre 100 cani

L'episodio è avvenuto nella zona della Villetta: ecco come fare

Sono oltre 100 i proprietari di cani di Parma - zona Villetta - che, in questi giorni, riceveranno una lettera dall’Azienda USL con l’invito a presentarsi dal proprio veterinario di fiducia per sottoporre l’amico a quattro zampe ad un prelievo di sangue.
 
L’obiettivo è  verificare che nessun cane nella zona oggetto di sorveglianza abbia la leishmaniosi. L’intervento si è reso necessario, come prevedono le linee guida regionali, dopo che è stato registrato un caso umano di  questa parassitosi. Si tratta di una donna che, a seguito di  puntura di insetto infetto, ha contratto la leishmaniosi cutanea, già trattata. 
 
La zona interessata al controllo è un’area di 300 metri di raggio intorno all’abitazione della signora nel comune di Parma. Nella lettera indirizzata ai proprietari dei cani sono inoltre indicate le misure di protezione da adottare sugli animali (uso di antiparassitari spot on e collari, custodia al chiuso nelle ore notturne) e le misure di prevenzione per le persone (uso di repellenti cutanei, applicazione alle finestre di zanzariere a maglie fini).
 
La leishmaniosi è causata da protozoi parassiti appartenenti al genere leishmania. I parassiti sono trasmessi dalla puntura di un piccolo insetto vettore, il flebotomo, anche detto pappatacio. Solo una piccola parte delle persone infette dalla leishmania sviluppa la malattia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina una donna in piazzale Pablo: 19enne gambiano lo insegue e lo fa arrestare

  • Coltellate sul Frecciarossa, sotto choc il parmigiano che ha difeso la donna: " Usata una cinta per fermare l'emorragia"

  • C'è un'altra Parma sotto terra

  • "L'ho sentita urlare e sono intervenuto. Così ho fermato lo scippatore"

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

Torna su
ParmaToday è in caricamento