menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Liberata la rarissima Aquila dei Serpenti

Dopo un periodo di 30 giorni di convalescenza, il rarissimo rapace Aquila dei Serpenti, o Biancone, individuato e salvato dall’associazione Polizia di Stato nel parco Cittadella nel mese di giugno, è stato liberato in località Guardasone

Dopo un periodo di 30 giorni di convalescenza, il rarissimo rapace Aquila dei Serpenti, o Biancone, individuato e salvato dall’associazione Polizia di Stato nel parco Cittadella nel mese di giugno, è stato liberato in località Guardasone, Traversetolo, dove ha spiccato il volo riconquistando la libertà. Durante la convalescenza, l’aquila “Parma” – così è stata ribattezzata dai suoi salvatori – è stata presa in cura dalle mani esperte dei veterinari del Centro Rapaci di Parma, che con spirito di abnegazione e professionalità hanno destinato le migliori attenzioni al rarissimo uccello esotico.

Si ricorda che l’esemplare ferito, una specie protetta quasi impossibile da incontrare nei cieli di Parma, a fine giugno era stato tratto in salvo e portato nel centro di recupero rapaci di S. Polo D’Enza grazie all’intervento dell’associazione nazionale Polizia di Stato, e successivamente trasportato e medicato al Centro Recupero Fauna Selvatica.

Il commento del sindaco Pizzarotti: “Il momento della liberazione del rapace è toccante: è consapevole di riguadagnare la propria libertà. Ringrazio di cuore per l’ottimo lavoro e la professionalità dimostrata l’associazione nazionale Polizia di Stato, i veterinari del Centro Rapaci e tutte le persone che hanno permesso a questo bellissimo e raro rapace di sopravvivere e tornare a volare. Parma è anche questo: attenzione e cura per l’ambiente e al suo ecosistema”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento