rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Attualità

"Lo screening del colon retto a casa tua"

I volontari di Arim ed Insieme per la Salute potranno raggiungere le persone con problemi di mobilità e consentire loro di partecipare alla campagna di prevenzione

La prevenzione delle neoplasie del colon-retto è oggi più accessibile con il progetto “Lo screening del colon retto a casa tua”, che ha l’obiettivo di portare la campagna di screening direttamente a casa dei cittadini, rendendola più capillare, comoda ed efficace. Gli operatori volontari di Arim, insieme a quelli dell’associazione salsese Insieme per la Salute, lavoreranno a stretto contatto con i professionisti dell’Ausl, dopo un periodo di formazione, e porteranno la campagna di diagnosi precoce direttamente a casa delle persone. Grazie alla generosità di Arim infatti, che ha donato all’Ausl di Parma un automezzo dedicato, sarà creata un’unità mobile per supportare, agevolare e migliorare l’adesione della popolazione di Parma e provincia alla campagna regionale di prevenzione del tumore del colon retto. La campagna di screening viaggerà così anche a bordo della Fiat Panda messa a disposizione dalla Onlus fidentina, raggiungendo le persone che hanno difficoltà a spostarsi in autonomia.

Sarà possibile la consegna e ritiro delle provette a domicilio, il recapito di materiali informativi e, in caso di screening di secondo livello, saranno gli operatori stessi a consegnare tutto il necessario per la preparazione all’esame endoscopico. Inoltre il servizio, coordinato dall’Unità Operativa complessa di Endoscopia digestiva e gastroenterologia dell’Ausl, sarà a disposizione per il trasporto dei cittadini che non hanno possibilità di essere accompagnati agli ambulatori per effettuare la colonscopia. Il programma di screening per la prevenzione del tumore del colon retto, coinvolge a Parma e provincia oltre 100 mila cittadini, di età compresa tra i 50 e 69 anni: ogni due anni queste persone vengono invitate a sottoporsi alla ricerca del sangue occulto nelle feci. Tra coloro che aderiscono, circa il 6% viene poi invitato a sottoporsi ad un approfondimento con una colonscopia. Attraverso la diagnosi precoce, negli ultimi quindici anni, la mortalità riferita a questa neoplasia nella nostra provincia si è ridotta del 27%, con una riduzione dell’incidenza stimata del 12%. Purtroppo, il periodo pandemico ha determinato un rallentamento nei programmi di prevenzione oncologica: l’obiettivo di questa iniziativa è quello di aumentare l’adesione della popolazione, per recuperare il gap accumulato. L’Unità Operativa Complessa di Endoscopia Digestiva e Gastroenterologia, diretta da Paolo Orsi, è composta da quattordici medici, diciotto infermieri e due operatori socio-sanitari. E’ presente nell’Ospedale di Vaio (Fidenza) con tre sale capaci di operare in contemporanea e all’Ospedale di Borgo Val di Taro, oltre alle sedi di Fornovo, Colorno e San Secondo Parmense.

Arim (Associazione ricerca e prevenzione malattie intestinali) è un’associazione di volontariato che opera nella tutela della salute dal 2007. Nata a Fidenza (Parma), ha come fine la promozione della salute in quanto felice integrazione dell’uomo nel suo ambiente, con interventi operativi nell’ambito della ricerca e della prevenzione sanitaria delle malattie gastrointestinali. L’Associazione opera in stretta collaborazione con associazioni di volontariato, centri di gastroenterologia medica universitari e ospedalieri, istituti a carattere scientifico, in coerenza con i criteri stabiliti dalle Società italiane di gastroenterologia (Sige), di Endoscopia digestiva (Sied) e dal Servizio sanitario nazionale. Insieme per la Salute è un’Associazione di volontariato nata a Salsomaggiore nel 1996, con lo scopo di organizzare attività di prevenzione in ambito oncologico e sanitario rivolte a tutta la popolazione. L’attività è svolta principalmente attraverso la donazione di strumentazioni mediche, iniziative di solidarietà ed attività di divulgazione e aggiornamento sanitario. Attraverso raccolte fondi e l’organizzazione di iniziative, l’Associazione ha acquistato negli anni numerose attrezzature sanitarie e le ha donate all’Ospedale di Vaio e all’Ospedale dei Bambini di Parma.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Lo screening del colon retto a casa tua"

ParmaToday è in caricamento