rotate-mobile
Attualità

Luciano Messi riconfermato presidente dell'Associazione Teatri Italiani di Tradizione

"Ringrazio i soci per l’ampia fiducia e l’Ufficio di Presidenza uscente per il lavoro svolto. Prendo carico del nuovo mandato con l’impegno di rappresentare tutti e operare sull’unità di questa importante rete"

Luciano Messi, sovrintendente del Teatro Regio di Parma e vicepresidente di Federvivo, è stato confermato alla presidenza di ATIT (Associazione Teatri Italiani di Tradizione) per il prossimo triennio. La votazione si è tenuta questa mattina, lunedì 18 dicembre, a Roma, durante la seduta che ha visto riuniti i rappresentati dei Teatri Italiani di Tradizione. Nel corso dell’Assemblea è stata anche eletta Monica Loss, direttrice generale della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, alla vicepresidenza dell’Associazione.

Oltre a Luciano Messi e Monica Loss, comporranno il nuovo Ufficio di Presidenza ATIT Umberto Angelini, Paolo Cantù, Andrea Cigni, Giovanni Di Stefano e Giovanni Vegeto. L’Assemblea ha stabilito che l’organo sarà composto da sei componenti per garantire la più ampia rappresentanza. “Ringrazio i soci per l’ampia fiducia e l’Ufficio di Presidenza uscente per il lavoro svolto – Ha commentato il presidente Luciano Messi. Prendo carico del nuovo mandato con l’impegno di rappresentare tutti e operare sull’unità di questa importante rete. Tra i primi obiettivi del nuovo mandato c’è quello di rendere più forte la voce di ATIT attraverso un lavoro di comunicazione più strutturato presso le istituzioni e sugli organi di stampa”.

Luciano Messi ricopre la carica di vicepresidente di Federvivo e consulente della Fondazione Rete Lirica delle Marche e, dal dicembre del 2022, è sovrintendente del Teatro Regio di Parma. Dal 2015 al 2022 è stato sovrintendente dell’Associazione Arena Sferisterio di Macerata.

Nel 2006, assieme a Pier Luigi Pizzi, ha creato lo Sferisterio Opera Festival (oggi Macerata Opera Festival). Nel 2015 ha dato vita alla Rete Lirica delle Marche. Nel 2018 è entrato a far parte della delegazione datoriale al tavolo di contrattazione per il rinnovo del CCNL Teatri. Nel 2020 ha coordinato la task force istituita dalle Fondazioni Lirico Sinfoniche per fronteggiare l’emergenza covid, redigendo le “Proposte operative per le produzioni, liriche, sinfoniche e coreutiche e per l’intera filiera della musica” che AGIS ha presentato al Ministero della Cultura nel documento “Lo Spettacolo in Italia nella Fase 2”. Ha ricevuto il riconoscimento di Classic Voice come una delle dieci personalità più rilevanti del mondo della musica nel 2020. È oggi componente del Tavolo della Danza istituito presso il Ministero della Cultura e del Comitato per la salvaguardia dell’Arte del Canto Lirico Italiano, che ha sostenuto la candidatura dell’Italia per il riconoscimento Unesco di questo patrimonio culturale immateriale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luciano Messi riconfermato presidente dell'Associazione Teatri Italiani di Tradizione

ParmaToday è in caricamento