Lunedì ad alta tensione: due presidi contro il comizio di Roberto Fiore

Il Coordinamento Antifascista e ArtLab organizzano due appuntamenti per contestare il leader di Forza Nuova

Domani, lunedì 20 maggio, si terranno due presidi per protestare contro la presenza del leader neofascista Roberto Fiore di Forza Nuova in piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa, davanti alla stazione ferroviaria, per il comizio di chiusura della campagna elettorale per le Europee. Il primo è indetto dal Coordinamento Unitatio Antifascista Parma Cap 43100 alle ore 20 in piazzale Carlo Alberto Dalla Chiesa mentre il secondo è stato promosso da Art Lab con ritrovo alle ore 19 in viale Toschi.  "Lunedì 20 maggio la Parma democratica e antifascista -si legge sulla pagina Facebook del Coordinamento antifascista - si dà appuntamento in piazzale Dalla Chiesa angolo viale Bottego sotto i portici alle ore 20. Per contestare il comizio di Forza Nuova con presenza del segretario Roberto Fiore già condannato negli anni '80 per banda armata e associazione sovversiva come capo di Terza Posizione poi fuggito all'estero per un ventennio. La mobilitazione costruita in collaborazione con ANPI e PD e tutte le altre forze democratiche e antifasciste che si stanno aggiungendo in queste ore". 

fiore-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Quelli di Forza Nuova sono fascisti della peggior specie - si legge sulla pagina Facebook di ArtLab- seminatori di odio razziale, di sessismo, omofobia e catto-integralismo. Promuovono orgoglio nazionalista e mantenimento della "purezza etnica", fanno campagne per il blocco dell'immigrazione, la costruzione di muri e reticolati per impedire la libera circolazione delle persone. Si battono per distruggere i diritti di cittadinanza universali, il divorzio e l'aborto. Sono contrarissimi alle "teorie del gender" e allo ius soli che, secondo loro, avvierà la "sostituzione etnica". Predicano e praticano un'ideologia violenta che si fonda sulla repressione e sulla sottomissione delle donne, degli omosessuali, delle persone che seguono religioni diverse da quella cristiana, di quanti non hanno il "bianco" come colore della pelle".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Parma, un positivo al covid: scatta il ritiro per la squadra

Torna su
ParmaToday è in caricamento