Massimo Bussandri rieletto segretario generale della Cgil

Europa, lavoro e riforme, legalità, antifascismo, antirazzismo, antisessismo e confederalità alcuni dei temi cardine assunti come impegno politico-sindacale per i prossimi quattro anni

"Sono molto grato e onorato del mandato ricevuto oggi. Ma la Cgil non è l'organizzazione degli uomini soli al comando. Ho sempre cercato di applicare questo principio guida e continuerò a seguirlo nella mia azione, avrò quindi bisogno di tutte le donne e di tutti gli uomini della CGIL per poter proseguire il lavoro fatto in questi anni avendo a mente la preservazione del nostro bene più prezioso che è l'unità dell'organizzazione. Per difendere sempre meglio i diritti e gli interessi dei lavoratori e dei pensionati di questo territorio".  È questa la dichiarazione a caldo di Massimo Bussandri, riconfermato nella carica di segretario generale in occasione del XIX Congresso provinciale della CGIL Parma appena concluso all'Hotel Parma & Congressi di San Pancrazio.  

Due giorni di intenso dibattito che hanno tracciato, a partire dalla relazione iniziale di Bussandri e dai vari interventi proposti, tra cui quelli di Mirto Bassoli, della segreteria CGIL regionale, e di Nino Baseotto, responsabile organizzativo della CGIL nazionale, la rotta sui temi cardine dell'azione sindacale per il prossimo quadriennio.  Europa, lavoro e riforme, legalità, una forte riaffermazione dei valori antifascisti, antirazzisti, antisessisti e antiomofobi, sono alcune delle parole chiave su cui si incardina il documento politico approvato dall'assemblea congressuale, cui si aggiungono il ruolo dei territori e il valore della confederalità, che deve riportare le Camere del Lavoro ad essere lo snodo, anche in termini di risorse sia economiche che umane, dell'azione del sindacato.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Molta attenzione è stata prestata al dibattito sulla nuova rivoluzione tecnologica e digitale, e sugli effetti che avrà sui lavoratori e il loro ruolo. Un tema a cui non a caso è stato riservato momento di approfondimento nella tavola rotonda di ieri su "La rivoluzione 4.0 tra rischi occupazionali e nuove frontiere del lavoro", moderata dalla giornalista della Gazzetta di Parma, Patrizia Ginepri, a cui hanno partecipato Annalisa Sassi, Presidente Unione Parmense degli Industriali, Luciana Serri, Presidente della Commissione Politiche Economiche Regione Emilia-Romagna, Maura Franchi, Docente di Sociologia dei consumi nell'Università di Parma, e Alessio Gramolati, Responsabile Dipartimento Politiche Industriali Cgil Nazionale.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • Ribaltone Genoa: c'è Faggiano al posto di Marroccu

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

  • Parma-Carli, incontro positivo: strategie e richieste

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento