"Mercatiamo ora non può aprire: presto lo renderemo un mercato definitivo"

Il Comune di Parma sulla chiusura del mercato per le regole della zona arancione

Con riferimento alle notizie di stampa pubblicate in relazione alla sospensione dell’attività della manifestazione temporanea denominata ”Mercatiamo”, il Comune di Parma ritiene necessario precisare quanto segue.

In merito alla possibilità di svolgimento di iniziative autorizzate come manifestazioni temporanee come quella denominata “Mercatiamo”,  il Settore preposto al rilascio dell’autorizzazione a seguito delle disposizioni del DPCM del 3 novembre u.s. (integrato da Ordinanza della Regione Emilia Romagna del 12 novembre 2020 nr. 216) e il successivo inserimento della Regione Emilia Romagna in fascia arancione dal giorno 15 novembre ha posto quesito alla Segreteria Generale del Comune di Parma, per verificare la possibilità di autorizzare o meno la prosecuzione di tali attività.

L’analisi effettuata dalla Segreteria Generale, cui compete il controllo di legittimità degli atti degli uffici comunali, ha portato al seguente risultato: per quanto concerne le attività definite “mercatini” vari, ipotizzando che si tratti di eventi autorizzati o da autorizzare quali manifestazioni temporanee il cui titolo abilitativo è rinvenibile ex art. 68 TULPS si è ritenuto che i medesimi, non potendo inquadrarsi nella definizione di mercati, devono ritenersi vietati ai sensi dell’art. 1, c.9, lett. n.) del Decreto. Per cercare di venire incontro agli operatori che danno vita a manifestazioni temporanee quali “Mercatiamo” il Comune di Parma ha comunque indirizzato una ulteriore richiesta di parere anche alla Regione Emilia-Romagna in ordine alla fattibilità delle stesse alla luce dell’ordinanza regionale sopra citata.

Normalmente accade che le manifestazioni temporanee come Mercatiamo dopo un certo periodo, verificate l’interesse dell’utenza che vanno a generare in un determinato quartiere, vengono trasformati in mercati veri e propri, sulla base di opportune procedure e relativo regolamento. Mercatiamo lamenta che da quasi un anno chiede di potersi vedere considerato come mercato. Il Comune di Parma si era già attivato in tal senso, ma purtroppo la situazione contingente e straordinaria di una pandemia lo ha costretto a rivedere le priorità puntando a dare risposte veloci e concrete a tutte quelle imprese in difficoltà per effetto del covid 19. L’attenzione dell’Amministrazione Comunale nei confronti di Mercatiamo è sempre stata massima e non appena vi saranno le condizioni si arriverà a soddisfare le sue richieste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Coprifuoco alle 23 e deroghe ai nonni per le feste di Natale: verso il Dpcm del 3 dicembre

  • Covid, oggi si decide: Parma potrebbe tornare in zona gialla

Torna su
ParmaToday è in caricamento