"Mi Impegno a Parma": i richiedenti asilo per la residenza XXV Aprile

Tre volontari hanno curato le operazioni di dismissione degli arredi, occupandosi sia del trasporto che dello smaltimento dei mobili

Tre volontari richiedenti asilo, accolti dalla Cooperativa Svoltare, nella mattina di mercoledì ieri, hanno dato il loro supporto all’Amministrazione Comunale nelle attività di ripristino di alcuni appartamenti siti nella residenza per anziani  “XXV Aprile”. I volontari hanno curato le operazioni di dismissione degli arredi, occupandosi sia del trasporto che dello smaltimento del mobilio non più adeguato all’utilizzo.

L’iniziativa rientra nel più ampio panorama di attività svolte all’interno del programma di volontariato “Mi Impegno a Parma”, il quale, nel corso degli anni, ha dato modo ai giovani stranieri accolti in città di testimoniare la voglia di integrarsi e di farsi risorsa per la collettività.

L’intero immobile  “XXV Aprile” sarà oggetto, nei prossimi anni, di un intervento di ristrutturazione complessiva, ad oggi in fase di progettazione, al fine di restituire alla città un luogo accogliente e “innovativo”, destinato ad anziani in situazioni di  fragilità. Sono molte le attività che vedono la collaborazione dei richiedenti asilo: dalla vigilanza scolastica alle operazioni di pulizia urbana, dal supporto a persone con disabilità alla partecipazione ad iniziative scolastiche. Un impegno a 360 gradi offerto alla città che li ha accolti per affermare come l’integrazione sia sempre la scelta vincente.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Coprifuoco alle 23 e deroghe ai nonni per le feste di Natale: verso il Dpcm del 3 dicembre

Torna su
ParmaToday è in caricamento