Micro4Nano, Progetto dell’Ateneo finanziato dal Programma Europeo Horizon 2020

Versione stampabile Riconoscimento per il gruppo di ricerca del Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale e del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco. Coordinatrice Cristina Sissa

Un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale-SCVSA e del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco dell’Università di Parma ha ottenuto un finanziamento europeo nell’ambito del programma Horizon 2020-MSCA-RISE-2020 per il Progetto Micro4Nano (Multifunctional nanocarriers for nonlinear microscopy: new tools for biology and medicine - Nanocarrier multifunzionali per microscopia non lineare: nuovi strumenti per la biologia e la medicina).

Coordinatrice del Progetto è Cristina Sissa, affiancata dai colleghi del Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale, Matteo Masino, Anna Painelli, e Francesca Terenziani, e da Fabio Sonvico e Silvia Pescina del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco.

L’attività sarà rivolta allo sviluppo e ottimizzazione di materiali e tecniche per la visualizzazione tridimensionale di campioni biologici per applicazioni diagnostiche e terapeutiche. Micro4Nano si inserisce nelle attività del laboratorio diffuso ParmaPhotonics e in particolare ha il suo cuore nel laboratorio di microscopia e spettroscopia non-lineare Parma2Photons, nato recentemente grazie a un finanziamento da parte dell’Ateneo, del Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale (attraverso il finanziamento per l’iniziativa COMP-HUB attribuito dal MIUR al Dipartimento di Eccellenza), e dall’Istituto IMEM-CNR.  

Micro4Nano è rivolto alla promozione della carriera di giovani ricercatori e al rafforzamento e sviluppo di collaborazioni scientifiche internazionali e intersettoriali. Durante il progetto, della durata di 4 anni, i ricercatori coinvolti avranno l’opportunità di svolgere attività di ricerca e formazione in laboratori accademici e non accademici, distribuiti in 10 Paesi tra Europei (Croazia, Finlandia, Francia, Italia, Polonia, Spagna) ed extra-Europei (Argentina, Israele, Malesia, Stati Uniti).

In totale sono due i Progetti RISE (Research and Innovation Staff Exchange) di H2020 coordinati da ricercatrici del Dipartimento SCVSA ad essere stati approvati nell’ultima call di Horizon 2020: l’altro è il Progetto VIT. Il lusinghiero risultato attesta e rinforza lo status di Dipartimento di Eccellenza di SCVSA.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 ristoranti a Parma: ecco quali sono i locali visitati

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Viola il coprifuoco per andare a trovare la fidanzata: giovane multato per 400 euro

  • Parma scongiura la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento