Misurina è salva, almeno per ora: "Non chiuderà a fine dicembre"

L'annuncio di Roberto Arduini, presidente dell'Opera diocesana San Bernardo degli Uberti, proprietaria della struttura sanitaria

"L'Istituto Pio XII di Misurina non chiuderà a fine dicembre". E' questo l'annuncio a Vita Nuova fatto da Roberto Arduini, presidente dell'Opera diocesana San Bernardo degli Uberti, proprietaria della struttura per la cura dell'asma, al centro di una vicenda - iniziata qualche mese fa - e a rischio chiusura. Dopo i passi avanti delle Regioni il Cda dell'Opera ha stabilito che la struttura di Misurina non chiuderà, almeno per quest'anno. Se ne riparlerà nel 2020 ma è probabile che, visto l'impegno della Regione Veneto e di altri Enti, che la struttura possa avere una vita ancora lunga. "Questo sforzo - ha dichiarato Arduni - comporterà sicuramente ulteriori perdite. L'impegno assunto vede la vicinanza e la prossimità della Diocesi, espressa dal Vescovo e dal vicario generale. Pur nella convinzione che ogni Regione si metterà in moto per dare una risposta tangibile al crescente problema di salute delle tematiche respiratorie sul proprio territorio è evidente che se i flussi di bambini saranno tali da non permettere l'equilibrio economico, e non vi saranno altre entrate da istituzioni terze, Opera diocesana, con estremo rammarico, si troverà costretta a chiudere definitivamente l'attività al 31 dicembre 2020". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dichiarazione dei redditi: dal 1° gennaio 2020 le spese da detrarre non possono essere pagate in contanti

  • Calendario di Miss Nonna 2020: per il mese di agosto c'è una nonna parmigiana

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Tragedia in stazione: uomo travolto ed ucciso da un treno

  • Pizzarotti a Salvini: "Ecco il delirio di un uomo, tu non mandi a casa proprio nessuno"

  • Bannone, pauroso frontale tra auto e furgone: tre feriti gravi

Torna su
ParmaToday è in caricamento