WhatsApp, la 'maledizione' di Momo arriva anche a Parma: allarme per gli smartphone dei ragazzini

Alcuni istituti scolastici cittadini hanno dato indicazioni ai genitori dei minorenni

L'incubo Momo arriva anche a Parma: alcuni istituti scolastici cittadini infatti hanno dato indicazioni ai genitori per il controllo degli smartphone dei figli minorenni. Il fenomeno, che si è diffuso negli ultimi mesi in tutta Italia, riguarda alcuni messaggi giovani e giovanissimi ricevono su WhatsApp. Tecnicamente si tratta di una catena di Sant'Antonio attualizzata agli smartphone ma Momo nasconde dei pericoli e delle insidie. L'immagine che i ragazzi visualizzano è quella del volto di una donna deformato ma la foto di Momo non è altro che una statua intitolata "Mother-Bird," dell'artista Keisuke Aisawa. La richiesta è quella della condivisione del messaggio: in caso contrario, si dice, si verrà contattati dalla persona raffigurata nelle foto. Una maledizione via internet, insomma che però ha tratto in inganno numerosi ragazzini. Da qui l'allerta degli insegnanti e degli istituti scolastici. 

Potrebbe interessarti

  • Come smettere di fumare: trucchi e consigli

  • Come combattere il caldo durante il viaggio in auto

  • Sabbia in casa: trucchi e consigli per liberarsene

  • Quando gli odori risvegliano i ricordi

I più letti della settimana

  • Picco di caldo a Parma: ecco come saranno le temperature per Ferragosto

  • Rischia di annegare al mare a Marina di Massa: 38enne di Fontanellato gravissima

  • Atleta cade in un burrone durante una gara di trial: 48enne muore al Maggiore di Parma

  • Organizzava spedizioni punitive dalla sua casa di Borgotaro: arrestato boss della 'Ndrangheta

  • Scossa di terremoto 3.9 con epicentro a Borgotaro

  • Ricatto a luci rosse: "Paga 2 mila euro o diffondiamo le immagini dei video porno che hai guardato"

Torna su
ParmaToday è in caricamento