WhatsApp, la 'maledizione' di Momo arriva anche a Parma: allarme per gli smartphone dei ragazzini

Alcuni istituti scolastici cittadini hanno dato indicazioni ai genitori dei minorenni

L'incubo Momo arriva anche a Parma: alcuni istituti scolastici cittadini infatti hanno dato indicazioni ai genitori per il controllo degli smartphone dei figli minorenni. Il fenomeno, che si è diffuso negli ultimi mesi in tutta Italia, riguarda alcuni messaggi giovani e giovanissimi ricevono su WhatsApp. Tecnicamente si tratta di una catena di Sant'Antonio attualizzata agli smartphone ma Momo nasconde dei pericoli e delle insidie. L'immagine che i ragazzi visualizzano è quella del volto di una donna deformato ma la foto di Momo non è altro che una statua intitolata "Mother-Bird," dell'artista Keisuke Aisawa. La richiesta è quella della condivisione del messaggio: in caso contrario, si dice, si verrà contattati dalla persona raffigurata nelle foto. Una maledizione via internet, insomma che però ha tratto in inganno numerosi ragazzini. Da qui l'allerta degli insegnanti e degli istituti scolastici. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Massacrata e minacciata per anni dal mio ex: adesso ho paura ad uscire di casa"

  • Cronaca

    Raid al parco Ducale, trovata e sequestrata droga: denunciati due pusher

  • Sport

    Vigilia contro il Milan, D'Aversa: "Bisogna andare oltre"

  • Politica

    Tagli alle pensioni per 28 mila parmensi? Pizzarotti: "Governo doveva abolire la povertà, abolisce la crescita"

I più letti della settimana

  • Tigotà apre a Parma lo store più grande della città

  • Bimba di 10 mesi muore nel sonno a Colorno: abitazione sotto sequestro

  • Poste non paga gli interessi di un buono di 34 anni fa: nonna e nipote risarciti

  • Lascia il figlio di 3 anni solo in casa per andare a firmare in Caserma, lui scappa in strada: 42enne denunciato

  • Primo prelievo multi organo a cuore fermo: lavoro di squadra tra Parma, Reggio e Modena

  • Tagli all'accoglienza: 21 euro a migrante ma Parma se ne frega e prepara mille posti

Torna su
ParmaToday è in caricamento