rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Attualità

'Music is the Best': la Regione Emilia-Romagna promuove il suo contest

Si tratta di una piattaforma di scouting, con un concorso aperto a tutte le formazioni musicali del territorio regionale, band o artisti singoli

L'Emilia-Romagna parte alla caccia di nuovi giovani talenti musicali. E' il progetto 'Music is the Best', finanziato dalla Regione con un contributo di 50.000 euro per l'edizione 2022. Si tratta in sostanza di una piattaforma di scouting, con un concorso aperto a tutte le formazioni musicali del territorio regionale, band o artisti singoli. Le candidature vanno presentate on line entro il 31 dicembre sul sito (www.musicisthebest.it): il concorso è aperto solo a musicisti residenti o domiciliati in Emilia-Romagna, che non abbiano superato i 35 anni di età, liberi da contratto discografico e che non abbiano già pubblicato più di un album. Non sono ammesse cover o tribute band. I brani da presentare dovranno essere due, accompagnati da almeno un video live in sala prove o videoclip ufficiale. Non ci sono limitazioni nel genere musicale. Il progetto si svolgerà in varie fasi.

La prima tappa prevede la selezione di 27 progetti musicali, che affronteranno le selezioni dal vivo a febbraio 2022 in vari locali dell'Emilia-Romagna. Da qui emergeranno nove band che saranno protagoniste di un workshop, in collaborazione con Kilowatt. Inoltre, ognuna delle nove formazioni potrà produrre un brano in cinque studi di registrazione della regione. In seguito sarà creata una compilation digitale che verrà lanciata su etichetta discografica Needn't a maggio. Infine, nella finale che si terrà a Bologna, dei nove progetti ne verranno selezionati due per le quali sarà prodotto un album e organizzato un tour a livello nazionale.

L'obiettivo del progetto è duplice: da un lato, la piattaforma si propone di creare relazioni tra musicisti, organizzatori di eventi dal vivo, studi di registrazione e professionisti in generale che operano in Emilia-Romagna, in modo da diventare un vero e proprio osservatorio sulla creatività musicale lungo la via Emilia. Dall'altro, il percorso vuole esplorare la possibilità di dare sostegno ai musicisti dell'Emilia-Romagna, anche con rendendo professionale l'attività musicale nata spontaneamente. Durante le varie tappe del progetto, attraverso il sito e i canali social, gli organizzatori di 'Music is the best' realizzeranno anche una narrazione costante, dalle selezioni alle produzioni, creando video, podcast e vetrina on-line sia per il pubblico sia per gli addetti ai lavori. Il progetto si avvale della collaborazione di locali come Locomotiv Club a Bologna, Musici per caso a Piacenza, Off di Modena, Officine Meca a Ferrara, Bronson di Ravenna, Splinter Club a Parma, Circolo Kessel a Reggio Emilia e Diagonal a Forlì-Cesena. Gli studi di registrazione coinvolti invece sono il Vacuum Studio a Bologna, il Bunker a Rubiera (Reggio Emilia), il Sonic Temple a Parma, il Deposito Zero a Forlì e l'Elfo Studio a Piacenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Music is the Best': la Regione Emilia-Romagna promuove il suo contest

ParmaToday è in caricamento