rotate-mobile
Attualità

Nuova pista da bob a Cortina: lunedì 19 febbraio la consegna dei lavori alla Pizzarotti

Lo stesso giorno è previsto un presidio di protesta degli ambientalisti

Lunedì 19 febbraio avverrà la consegna dei lavori all'impresa Pizzarotti di Parma per l’avvio del cantiere della pista da bob a Cortina per Giochi olimpici Milano-Cortina 2026. L’azienda di Parma si è aggiudicata la commessa dal valore di 81 milioni di euro. Cifra che ha inasprito ancor di più chi il bob in Italia proprio non lo voleva.

Già il 19 febbraio è stato annunciato un presidio ambientalista a Cortina, contro la costruzione della pista. Gli attivisti si schierano contro il cantiere che andrebbe a distruggere una parte boschiva a causa dell'abbattimento di numerosi esemplari di larici. 

L'azienda Pizzarotti ha solo 390 giorni per arrivare al primo collaudo e 625 giorni di tempo per il completamento della nuova pista da bob a Cortina, in vista delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026. Il gruppo parmigiano si è aggiudicato la maxi commessa da 81.6 milioni di euro. Nei mesi scorsi i costi, i tempi e la complessità del cantiere avevano scoraggiato tutti i possibili costruttori contattati da Simico (La società infrastrutture Milano Cortina che gestisce l'appalto). Due gare sono anche andate deserte. 

La commessa da 81,6 milioni di euro: una pista da 1.650 metri da realizzare in 625 giorni 

La commessa, dal valore complessivo di 81 milioni di euro, prevede 625 giorni di cantiere per la realizzazione complessiva dell’opera. La pista da bob, cuore del progetto, avrà una lunghezza di 1.650 metri (comprensiva di outrun) e si snoderà in 16 curve per un dislivello di 110 metri.

La consegna dei lavori a Impresa Pizzarotti è prevista per il prossimo 18 febbraio, la pista dovrà essere completata entro marzo 2025. L’azienda lavorerà prevalentemente con aziende nazionali e del territorio.

Nei momenti di picco, nel cantiere saranno occupati fino a 200 operai. Il cantiere continuerà fino a novembre 2025 per completare gli edifici “partenze” e “arrivi”, gli impianti di corredo alla pista e le opere di finitura. Il tutto sarà utilizzabile nell’inverno successivo, in occasione dei prossimi giochi olimpici invernali. Sono previsti fino a 2 turni di lavoro al giorno per 6 giorni a settimana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova pista da bob a Cortina: lunedì 19 febbraio la consegna dei lavori alla Pizzarotti

ParmaToday è in caricamento