Oltre 100 candidature al casting per rappresentare Emilia

5 settembre, al via le selezioni in Rocca a Fontanellato. Su Facebook molti commenti. Per Gabriella l’Emilia “è dove vorrei vivere…”

Sono oltre 100 le candidature di ragazze e signore arrivate, in una decina di giorni, per partecipare al casting “In viaggio con Emilia tra valli, parchi, castelli con gusto” organizzato da Catrina Producciones, Castelli del Ducato e Parchi del Ducato, nell’ambito del progetto Ptpl 2018 con capofila il Comune di Monchio delle Corti ed il contributo di Destinazione Turistica Emilia che partecipa all’iniziativa.

Dopo una preselezione effettuata dal regista Simone Marcelli, in base alle fotografie e al materiale inviato dalle candidate, sono una cinquantina le ragazze e le signore ammesse al casting in programma mercoledì 5 settembre dalle ore 15 alle ore 18 in Rocca Sanvitale a Fontanellato (Parma). Tra i requisiti preferenziali: la residenza nelle città o nelle province di Parma, Piacenza, Reggio Emilia; essere persone anagraficamente ricomprese in due diverse fasce d’età: tra i 18 e i 23 anni e tra i 37 e i 45 anni; ammesse persone anche alla prima esperienza di fronte alla macchina da presa. Se attraverso il casting si troveranno i volti giusti, le “novelle Emilie” rappresenteranno su campagne social, mini video e booking fotografico, proprio l’Emilia occidentale in chiave turistico-culturale. Accanto a loro, sono già state selezionate l’Emilia bambina e l’Emilia nonna, ovvero la classica rezdora anziana over 80/85. 
Alle candidate è stata richiesta anche una breve motivazione di cosa significa l’Emilia per ognuna di loro: molte le suggestioni giunte di cui racconteremo dopo il casting.

"Un casting è sempre un' operazione complicata, sia in fase di preselezione che in fase di provinatura - sottolinea Simone Marcelli - La scommessa per un regista è quella di andare oltre la pura apparenza e cercare di intuire il meglio di ogni persona di scovarne la "bellezza" nascosta. Sono arrivate molte validissime candidature per il volto di Emilia e la scelta in pre-selezione non è stata facile. Ho cercato di riconoscere nelle parole e negli sguardi delle candidate l'empatia, l'amore, l'orgoglio che la terra d'Emilia suscita. Spero di esserci riuscito. Oggi, 5 settembre, ci sarà il casting vero e proprio e prossimamente ne sapremo l'esito".

Parallelamente è stato proposto, invece, sui social network da Castelli del Ducato un sondaggio on line sul “valore Emilia”, concluso da poco, da cui emerge la malìa di un amarcord, la dolcezza e la connotazione delle stagioni con i tigli in primavera che fanno il paio con le scampagnate in bicicletta, una destinazione “dolce” da visitare dove trovi: simpatia, accoglienza, memoria e tradizioni autentiche, buona tavola e gli emiliani, gente forte, nel cuore e nella mente.

E allora c’è Giulia che ha scritto “Per me la nebbia fitta fitta in autunno che odora di bagnato e attutisce i rumori, le mattine gelate di gennaio con la brina sulle foglie, il profumo dei tigli in primavera e le gite in bicicletta sull'argine dei fiumi, il caldo insopportabile di giorno e di notte dell'estate, quando maledici la pianura e scappi sul primo cocuzzolo che hai a disposizione per vedere se tira un po' d'aria”. Chiara: “per me l'Emilia è colline al tramonto, castelli bellissimi, trattorie tipiche con la tovaglia a quadrettoni rossa, cotechino e torta fritta, nebbia, Prosciutto di Parma, Parmigiano Reggiano, Peppone e Don Camillo, la via Emilia, Ligabue il pittore e Ligabue il cantautore, Verdi, il Po e il cinema...”. Francesco: “Per me è la terra di mio padre e dei miei nonni, Parma, Langhirano, Cozzano, i luoghi della memoria dove tornavo ogni estate con i miei. Dolci colline ammantate di verde accarezzate dal marino. Pinete ininterrotte dove andavo a vedere gli scoiattoli saltare da albero in albero. E poi i cappelletti in brodo, il burro giallo appena uscito dal caseificio. Il Parmigiano in varie colorazioni a secondo la stagionatura, il lambrusco e la torta fritta e il prosciutto e il culatello. La sorte mi ha fatto nascere in Sicilia, altra terra magnifica, ma ogni anno il desio mi riporta nella dolce Emilia”. Gabriele: “È un tramonto coi girasoli in collina in estate, la nebbia nelle mattine d'autunno, la neve che scende in silenzio in inverno e i ciliegi bianchissimi carichi di fiori in primavera. È la mia terra”. Luca: “Emilia è buon cibo, accoglienza e simpatia, posti belli da vedere: può diventare una nuova vera destinazione di viaggio”. Niko: “l'Emilia è un bicchiere di Lambrusco e una tavolata in compagnia, l'Emilia è bella da viaggiare in camper”

Il team di una trattoria: “L'Emilia è buona tavola per chi ci vive e per chi ci viene! Fai colazione già con l'erbazzone se ti trovi a Reggio, le brioche salate con il Prosciutto di Parma se sei a Parma, i biscotti di pasta frolla e la crostata fresca in campagna, meringata, spumini e torta di rose a Piacenza”. Rosa: “Emilia è simpatia, calore, compagnia, bella gente, belle città, biciclette e castelli sulle colline”. Cesare: “Emilia amici sempre allegri, buona cucina, bei paesaggi collinari, terra generosa”. Emanuele, che ci lascia un proverbio “Bon temp, salut e quatrén i n'stofa mai. Buon tempo, salute e quattrini, non stufano mai”. Carla: “L'Emilia è la sua gente. Nel tempo, inverni gelidi ed estati torride, hanno plasmato gli emiliani. Gente forte, nel cuore e nella mente”. Gabriella: “E’ dove vorrei vivere…”.

Il Presidente CDD Orazio Zanardi Landi. “Da sempre per Castelli del Ducato e per il territorio che rappresentiamo, i progetti nascono da idee ed intuizioni che tengono conto dell’ascolto delle persone e dell’esperienza: la forza dei nostri castelli è l’alleanza con i paesaggi e l’enogastronomia”

Le persone che verranno pre-selezionate si presentano per il provino mercoledì 5 settembre dalle ore 15 alle ore 18 in Rocca Sanvitale a Fontanellato (Parma) sede del Circuito Castelli del Ducato

“In viaggio con Emilia tra valli, parchi, castelli con gusto” è un nuovo progetto su cui Castelli del Ducato e Parchi del Ducato stanno lavorando insieme con il contributo di Destinazione Turistica Emilia. “La sfida è raccontare in maniera evocativa ed emozionale l’Emilia punteggiata da rocche, manieri e bellissime vallate e riserve naturalistiche e darle le caratteristiche di un incontro importante con turisti e visitatori” spiegano gli organizzatori.

Catrina Producciones è la casa di produzione cinematografica selezionata da Castelli del Ducato e Parchi del Ducato, specializzata nella realizzazione di documentari culturali e d’arte: ha recentemente prodotto “Furore” progetto del chitarrista Simone Massaron, una rivisitazione dei romanzi di Steinbeck e delle fotografie di Dorothea Lange; “Il patrimonio del Messico” documentazione audiovisiva del vasto patrimonio culturale immateriale del Messico, con il fine di creare il primo archivio audiovisuale per la conservazione e valorizzazione della memoria storica e della cultura messicana a rischio di oblio. “Éphémère” film dedicato a Franco Maria Ricci creatore e editore dei libri d’arte più eleganti e apprezzati del mondo e al suo dedalo, il più grande Labirinto al mondo in bambù, presente a Fontanellato. Éphémère – La bellezza inevitabile è stato scelto per partecipare alla 15ma edizione del Salento International Film Festival! Catrina Producciones ha lavorato anche su Adolfo Wildt, amato e odiato dagli uomini e dalle donne del suo tempo, il maggior scultore del principio del secolo scorso, ha diviso con le sue opere scolpite nel marmo le coscienze e le opinioni dei suoi contemporanei.

Castelli del Ducato: è, ad oggi, il più grande circuito di 31 rocche, fortezze, manieri interregionale tra Emilia-Romagna e Toscana, strutturato con logiche di turismo culturale. Ospita molti borghi storici, luoghi d'arte e musei, sostenitori del network ed ha aperto dall'estate la presentazione e promozione di itinerari anche a Reggio Emilia.

Parchi del Ducato: è l'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale con le sue 12 valli, 9 Parchi e 5 Riserve.

Si ringrazia per il Casting Emilia il Comune di Fontanellato, il Sindaco di Fontanellato Francesco Trivelloni, vice presidente Castelli del Ducato, e lo Staff del Museo Rocca Sanvitale per gli spazi concessi per svolgere l’iniziativa e per il supporto logistico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina una donna in piazzale Pablo: 19enne gambiano lo insegue e lo fa arrestare

  • Guida Michelin: ecco i ristoranti stellati del parmense

  • Paura per una 48enne scomparsa, salvata grazie al cellulare: era in un canale in stato di assideramento

  • Coltellate sul Frecciarossa, sotto choc il parmigiano che ha difeso la donna: " Usata una cinta per fermare l'emorragia"

  • C'è un'altra Parma sotto terra

  • Donna accoltellata sul Frecciarossa da un addetto alle pulizie: 44enne di Parma ferito mentre cerca di fermare l'aggressore

Torna su
ParmaToday è in caricamento