Onu e Oms dichiarano guerra al Parmigiano: è rivolta

L'Organizzazione Mondiale della Sanità e le Nazioni Unite stanno valutando se considerare alcuni prodotti, compreso l'ambasciatore culinario di Parma nel mondo, alle stregua del fumo ed introdurre quindi tasse e etichette sulle confezioni

L'Organizzazione delle Nazioni Unite e l'Organizzazione Mondiale della Sanità hanno dichiarato guerra al Parmigiano Reggiano, così come ad altri prodotti, dalla pizza all'olio d'oliva e fino al vino. La lotta della due organizzazioni contro malattie come il diabete, il cancro e le patologie cardiovascolari, potrebbe prevedere anche, se non una messa al bando vera e propria, una forte penalizzazione sul mercato per l'ambasciatore culinario di Parma nel mondo. Secondo alcune indiscrezioni infatti allo studio ci sarebbero provvedimenti come l'inserimento delle etichette con messaggi analoghi a quelli presenti sui pacchetti di sigarette e l'introduzione di alcune nuove tasse. Si deciderà tutto il 27 settembre durante la riunione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite: l'obiettivo dell'organizzazione è di ridurre di un terzo, entro il 2030, le malattie cardiovascolari. Oltre al Parmigiano sarebbero presi di mira anche prodotti come la pizza, l'olio d'oliva e il vino. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Bologna: 50enne incinta di sette mesi muore in casa

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, l'appello choc di una 26enne: "In 40 metri quadri in 6 con 4 figli: non abbiamo i soldi per fare la spesa"

  • "Chi non è residente deve lasciare l'abitazione": a Parma la truffa del falso avviso del Ministero dell'Interno

Torna su
ParmaToday è in caricamento