rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Attualità

Ospedale, presidio dei sindacati al Maggiore: "No alla riduzione del turn over e degli organici"

FP CGIL, CISL FP e UIL FPL regionali e territoriali hanno ribadito la mancanza di risposte alle richieste relative al riconoscimento delle risorse necessarie alla valorizzazione del personale

SI sono tenuti nella mattinata di martedì 7 marzo i presidi in difesa della sanità pubblica  davanti all'Azienda Ospedaliera-Universitaria di Parma, all'Ospedale di Borgotaro e all'Ospedale di Vaio.

FP CGIL, CISL FP e UIL FPL regionali e territoriali hanno ribadito la mancanza di risposte alle richieste relative al riconoscimento delle risorse necessarie alla valorizzazione del personale e soprattutto rispetto alla garanzia della sicurezza e della qualità dei servizi del  SSR e dei diritti contrattuali dei dipendenti.

Ferie accumulate insieme a migliaia di ore di straordinario, che rimangono patrimonio inalienabile dei dipendenti, impossibili da pagare e da recuperare fanno infatti il paio con tempi di attesa per le prestazioni specialistiche ambulatoriali e chirurgiche in aumento e tempi di permanenza nei pronto soccorso ormai diventati inaccettabili, come ben sanno molti cittadini che spesso lamentano tempistiche bibliche per poter effettuare anche il più semplice degli esami.

" É nostro dovere fare in modo che la cittadinanza venga a conoscenza della situazione attuale - ha dichiarato Monica Marvasi di FP CGIL Parma - Ormai è più che evidente che bisogna abbattere il tetto sula spesa del personale sanitario per rivendicare il diritto alla Salute, che è un diritto costituzionale".

332920366_1275774063060908_723048145455718584_n

Giovanni Oliva, responsabile di CISL FP, ricorda come ormai da un anno viene ribadita la preoccupazione dei sindacati: "Qesto è l'ennesimo presidio per ricordare che il blocco delle assunzioni è scattato l'anno scorso ed oggi si paventano accorpamenti e chiusure di servizi e unità operative in vista dell'estate: quale assistenza sanitaria potremo garantire in queste condizioni?"

Gli fa eco Barbara Lori, responsabile UIL FPL: "Se non si procede co le assunzioni le ricadute sui cittadini saranno molto pesanti. Ci auguriamo che l'Assessore Donini si attivi per ripristinare i giusti equilibri dei lavoratori"

Secondo l'Assessorato alla Sanità, il saldo del personale assunto dal 2018 ad oggi, pari a +7300, ma la vera considerazione da fare è che se per 15 anni si è tagliato sulle assunzioni, in realtà chi è stato stabilizzato o assunto, viene impiegato per lo più a “rattoppare gli organici” e a ristabilire quella presenza di personale per garantire l’assistenza di qualità vanto della nostra Regione. Assunzioni che sono state necessarie anche per garantire gli organici “integrativi” (che per i non addetti ai lavori sono coloro che sostituiscono malattie, ferie, permessi a vario titolo) che purtroppo oggi sono all’osso, o addirittura assenti; ad esempio nel 70% dei casi, le lunghe assenze, come le maternità o le malattie di lungo periodo, non vengono sostituite.

Altro dato da evidenziare, è che per mettere in pratica quanto previsto per la riorganizzazione della sanità territoriale, da Decreto Ministeriale 77/2022, si dovranno assumere nella nostra Regione: dai 1500 ai 2300 Infermieri di Comunità, per le Centrali Operative Territoriali 270 infermieri e circa 67 altre figure tra personale sanitario/amministrativo, per gli Ospedali di Comunità circa 639 infermieri – 426 OSS – 142 fisioterapisti, ed infine almeno 800 infermieri e 600 OSS oltre che psicologi e altre professionalità per trasformare le Case della Salute in case di Comunità.

332722248_501230642218703_4384277409987401280_n

"I presìdi organizzati oggi sono - sottolineano i sindacati - stati attivati per sensibilizzare le persone sulla questione principale: se servono più persone perchè la Regione sta bloccando il turn over? Non si può certo pensare di garantire servizi aggiuntivi e funzionalità di strutture finanziate dal PNRR riducendo organici, sapendo che chi prende in carico e in cura le persone non sono i muri ma il personale."

L'assessore Donini  - dopo numerosi solleciti - ha convocato un incontro con FP CGIL, CISL FP e UIL FPL e proprio perché non si accetteranno altre risposte prive di contenuti reali e fattivi, le organizzazioni sindacali hanno deciso di riprendere un percorso vertenziale unitario e condiviso tra livelli territoriali e regionali proprio per evidenziare quanto il prossimo incontro sia determinante.

Infatti, è già in programma  una conferenza stampa regionale, nella quale saranno rese note le  decisioni scaturite in merito. Va da sè che senza risposte concrete la mobilitazione non potrà che proseguire.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale, presidio dei sindacati al Maggiore: "No alla riduzione del turn over e degli organici"

ParmaToday è in caricamento