Padanaplast dona 50 mila euro all'Ausl di Fidenza

L’azienda di Roccabianca è scesa in campo per sostenere le strutture sanitarie del territorio

Padanaplast, azienda facente parte del Gruppo industriale marchigiano Finproject e specializzata nella produzione di materiali plastici speciali dal 1971, ha donato all’AUSL Emilia-Romagna distretto di Fidenza 50.000 euro come contributo contro l’emergenza sanitaria nazionale.

L’azienda di Roccabianca è scesa in campo per sostenere le strutture sanitarie del territorio in questo difficile momento che vede l’intero Paese, e l’Emilia-Romagna in particolare, in lotta contro un nemico invisibile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’operazione rientra nel vasto piano di aiuti da 200.000 euro che la capogruppo Finproject ha messo a disposizione delle aree in cui è presente con i suoi siti produttivi e rappresenta un gesto di solidarietà in linea con il senso di appartenenza al territorio e la responsabilità sociale che animano l’operato del Gruppo da 55 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Devasta la stazione rischiando di far deragliare un treno: arrestato 21enne tunisino

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Ribaltone Genoa: c'è Faggiano al posto di Marroccu

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

  • Tre sconosciuti nella piscina di casa: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento