Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano: sette milioni per contrastare i cambiamenti climatici

Le risorse provengono dal Ministero dell’Ambiente e saranno utilizzate anche per la mobilità sostenibile, gli edifici pubblici, alcune Scuole e rifugi

“Come Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano non sono le sole risorse che investiremo per contrastare il cambiamento climatico e per adattarci al clima che cambia velocemente – spiega Giuseppe Vignali, direttore del Parco Nazionale - ma sicuramente le più consistenti, quelle che provengono dal Ministero dell'Ambiente grazie ai proventi derivanti dal sistema di scambio di quote di gas climalteranti nell'Unione Europea. 

L' utilizzo dei combustibili fossili e l'immissione in atmosfera di grandi quantità di gas serra ha rotto l'equilibrio nella biosfera e tutto sta rapidamente cambiando: i ghiacci si sciolgono, animali, uomini e piante si spostano (se possono), le montagne si sgretolano, il ciclo dell'acqua si altera con conseguenze pesanti su tutti noi. La scienza ce lo dice da tempo – afferma Vignali - ma noi abbiamo messo la testa sotto la sabbia e ora sarà veramente dura: ci vorrà l'impegno di tutti e anche coraggio, fortuna e molto di più. Da qualche parte però dobbiamo iniziare e questo è il nostro inizio: renderemo le nostre sedi neutre dal punto di vista delle emissioni, ci doteremo di veicoli elettrici e forniremo ad altri soggetti veicoli a basse emissioni per ridurre l'inquinamento da autotrazione; renderemo molto più efficienti rifugi ed altri edifici pubblici, realizzeremo piste ciclabili per favorire l'accesso non motorizzato al Parco Nazionale, compresa la realizzazione di piazzole per la sharing mobility dove parcheggiare i motori a scoppio e proseguire con mezzi a emissioni zero. 

Una condizione speciale sarà garantita alle scuole dei comuni del Parco che potranno essere oggetto di lavori di efficientamento energetico compresa la costruzione di impianti per la produzione di energia rinnovabile. Due milioni di euro saranno poi destinati alle foreste che coprono più del 70% del territorio: renderemo le foreste più resistenti ai cambiamenti climatici favorendo la biodiversità e organizzeremo vere e proprie migrazioni di alberi (migrazione assistita). Gli altri obiettivi, oltre alla certificazione per i servizi ecosistemici, riguardano lo stoccaggio del carbonio per contrastare il riscaldamento globale. Nei rami, nei fusti e nei suoli delle nostre foreste infatti ci sono conservate tonnellate di carbonio che gli alberi hanno sequestrato dall'atmosfera grazie alla fotosintesi clorofilliana; noi ci proponiamo di aumentare il contenuto di carbonio negli alberi e nel suolo del 30% in 30 anni modificando, talvolta rivoluzionando, i metodi di gestione delle nostre foreste.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Coprifuoco alle 23 e deroghe ai nonni per le feste di Natale: verso il Dpcm del 3 dicembre

Torna su
ParmaToday è in caricamento