parco romantico della reggia di colorno.

AMO COLORNO: "Parco chiuso dal 2011. Ora anche il TAR che blocca l'appalto"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Se ne parlava già dal 2015 quando sui social infuriava la polemica. La chiusura della parte romantica del giardino della reggia di Colorno risale al 2011. I motivi della sua chiusura sono diversi. Mentre tristemente da lontano si scorgono alberi non potati, incuria e il laghetto recintato; promesse non mantenute e appalti “sbagliati” allungano ancora di più i tempi di un’apertura alla quale ormai in molti hanno smesso di sperare. Era ottobre 2017, quando durante un consiglio comunale, il sindaco di Colorno, diede la bella notizia che al momento utile per le potature, la parte romantica del giardino della reggia sarebbe stata riaperta. Cosa che purtroppo non è mai avvenuta. Oltre a questo duro colpo per Colorno, dobbiamo purtroppo registrare l’ennesimo ostacolo. Il bando di gara atto alla “potatura e forestazione del parco della reggia” sarà da rifare. Il Tar condanna la provincia di Parma a causa del ricorso fatto dalla Cooperativa Territorio Ambientale Montano Acquacheta Rabbi. Non vogliamo entrare in particolari di natura tecnica o snocciolare il fatto, alla ricerca di capire quali sono stati eventuali errori o omissioni, ma di certo siamo delusi. E’ così difficile riaprire un parco? E’ così complicato ridare ai Colornesi e ai turisti un’area verde di un monumento di grande valore come la reggia? Fino a quando dovremo vedere il nostro giardino chiuso?... E’ mai possibile che ci debbano essere sempre degli ostacoli e che ogni azione intrapresa al fine di risolvere un problema, si areni?... Aspettiamo risposte certe, ma intanto dal 2011 ad oggi, di anni ne sono passati 7. In 7 anni si costruisce un intero paese. Il gruppo AMO COLORNO

Torna su
ParmaToday è in caricamento