Parma Città Universitaria prende posizione contro le discriminazioni

A seguito di alcuni episodi nell’offerta di sistemazioni abitative a studenti

In linea con quanto espresso in seno all'Unione europea durante la Giornata internazionale per l'eliminazione della discriminazione razziale celebrata lo scorso 21 marzo 2020, anche Parma Città Universitaria ribadisce il suo fermo impegno a contrastare il razzismo e tutte le altre forme di intolleranza e discriminazione nelle azioni di ogni giorno.

Ogni forma di discriminazione è in contrasto con i valori e i principi sanciti dallo Statuto dell’Università di Parma e in generale con quelli di una città universitaria che vuole con determinazione essere inclusiva e accogliente nei confronti degli studenti del proprio Ateneo, qualunque sia la loro provenienza geografica, il genere e ogni altro orientamento (sessuale, religioso, ecc.), ispirandosi  in questo ai valori dei diritti umani universali e delle libertà fondamentali che devono consentire a tutti pari opportunità, tra le altre, di accesso allo studio e ai servizi ad esso connessi.

La necessità di ribadire in maniera forte la posizione di Parma Città Universitaria e di intensificare gli sforzi e le azioni per prevenire qualunque situazione generata dalla discriminazione di razza e genere e l'intolleranza ad essi associata, emerge purtroppo a seguito di alcuni episodi di discriminazione nell’offerta di sistemazioni abitative, subito ritirate nel momento in cui i proprietari si rendevano conto che ad occupare i propri locali sarebbero stati studenti con il colore della pelle diverso dal loro.

Nello spirito di una città che veramente voglia dirsi universitaria, aperta a tutti i valori dello scambio, dell’accoglienza e di una inclusione e integrazione che siano reali, non possiamo che stigmatizzare tali episodi e situazioni, nell’auspicio che possano non ripetersi mai più.

È infatti scritto fin dalle premesse della Convenzione tra Università di Parma e Comune di Parma, che ha dato vita al progetto Parma Città Universitaria, che le istituzioni convolte si impegnano nel creare servizi e, più in generale, intraprendere molteplici azioni congiunte finalizzate a rendere sempre più Parma una città a misura di studente universitario, riconoscendo la ricchezza di tutti gli apporti nella loro eterogeneità e aumentando l’integrazione tra il tessuto sociale cittadino e quello universitario, riconoscendo il grande potenziale del capitale umano studentesco nel consolidamento del nostro sistema territoriale e sociale.

Per questo, Parma Città Universitaria vuole prendere una posizione netta a fianco dei propri studenti, denunciando tali situazioni discriminatorie, nell’auspicio che possano non verificarsi mai più e, unitamente al Consiglio degli Studenti, si impegna ad avviare iniziative e azioni che possano limitare tali riprovevoli episodi e a sensibilizzare la cittadinanza in modo da stimolare la crescita di una comunità sempre più aperta ed accogliente. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento