menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Partenza nel caos per i nuovi servizi di trasporto pubblico"

FILT CGIL e Federconsumatori: per aumentare la qualità del servizio non è sufficiente la progettazione sulla carta o l’annuncio mediatico, ma occorre investire risorse economiche

"Nella giornata di oggi, 13 settembre -si legge in una nota di Filt Cgil e Federconsumatori- è partito il nuovo servizio di trasporto pubblico locale, con il nuovo sistema di linee e percorsi, contestualmente all’avvio del trasporto scolastico. Stamattina si sono formate code di autobus bloccati in centro a causa di un mezzo privato parcheggiato nel mezzo di via Garibaldi; ci sono stati problemi di viabilità, in questi casi non dipendenti dai lavori in corso, che si ripetono quotidianamente e che compromettono la riuscita del servizio, nonché aumentano il rischio di incidenti a discapito della sicurezza dei cittadini e dei lavoratori.

Nella città che è ancora un cantiere aperto, il risultato è, come prevedibile, quello di avere linee in ritardo di decine di minuti, disagio per utenti e lavoratori della Tep Spa. L’amministrazione Comunale avrebbe chiaramente dovuto prevedere e gestire in anticipo il risultato nefasto di queste giornate.

Il rinnovamento del servizio, l’introduzione di linee notturne, il rinnovamento di alcuni percorsi, l’aumento della frequenza delle corse, è stata sì iniziativa positiva, che però ha portato con sé anche conseguenze negative. Ad esempio sono stati allungati alcuni percorsi, lasciando scoperti altri e sovraccaricando alcune linee già perennemente in ritardo.

Anche la campagna di vendita abbonamenti non è certo stata organizzata nel migliore dei modi. È stata una buona idea organizzare un sistema di appuntamenti e la possibilità di rinnovare l’abbonamento online o senza costringere l’utente a ore di code. Peccato che i sistemi alternativi spesso non funzionino e che il nuovo sistema per “appuntamento” sia partito contestualmente al momento di maggior afflusso alle biglietterie. Anche in questo caso una migliore organizzazione e magari la sperimentazione di un nuovo sistema doveva partire in altri periodi dell’anno, non certo nel momento di maggior necessità dell’utenza.

Per FILT CGIL e Federconsumatori la conclusione da trarre è che per aumentare la qualità del servizio non è sufficiente la progettazione sulla carta o l’annuncio mediatico, ma occorre investire risorse economiche. Il paradosso ancora più evidente è che ciò accade nonostante l’aumento dei prezzi del biglietto e all’utile di bilancio riconfermato anche quest’anno sia per Tep Spa che per l’agenzia SMTP. Utili che evidentemente non vengono sempre reinvestiti sul linee e sul servizio di trasporto, ma servono per rimpinguare le casse degli enti proprietari Comune e Provincia, questo a discapito dei cittadini e dei lavoratori in una città ove si ambisce alla mobilità sostenibile!"

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Attualità

Temporali e piene dei fiumi: allerta rossa nel parmense

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 5 morti e 52 nuovi casi

  • Cronaca

    Coronavirus. Nessuna zona "rosso scuro" per l'Emilia-Romagna

  • Sport

    Dal lockdown non sai più vincere: Parma, che ti è successo?

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento