Attualità

“Pietre d'inciampo”: il 6 febbraio la posa di 4 pietre temporanee

Le “Pietre d’inciampo”, piccoli sanpietrini in ottone sistemati in modo da sporgere dall’asfalto, segnano i luoghi dove abitavano o lavoravano le vittime della persecuzione fascista e nazista

Prosegue per il terzo anno consecutivo il progetto delle Pietre d’Inciampo, creato dall’artista Gunter Demnig, a cura del Comune di Parma, in collaborazione con ISREC Parma, con la Comunità Ebraica di Parma e con A.N.P.I., ANED, ANPPIA, A.L.P.I. e ANPC.

Le “Pietre d’inciampo”, piccoli sanpietrini in ottone sistemati in modo da sporgere dall’asfalto, segnano i luoghi dove abitavano o lavoravano (e da dove sono state arrestate e deportate) le vittime della persecuzione fascista e nazista. La Città di Parma dal 2017 ad oggi ne ha posate 26.


Mercoledì 6 febbraio verranno posate quattro pietre temporanee, create dagli allievi del Liceo d’Arte “Paolo Toschi”, che verranno successivamente sostituite da quelle originali realizzate dall’artista Gunter Demnig.


Alle ore 12, in strada Martiri della Libertà 13, avverrà la cerimonia di posa della pietra in ricordo di Samuel Spritzman, alla presenza delle autorità.


Alle ore 14.30, in via della Salute 46: posa della pietra in ricordo di Luigi Longhi.


Alle ore 15.15, in via dell’Università 9: posa della pietra in memoria di Doralice Muggia.


Alle ore 16, in via Pellegrino Strobel: posa della pietra in ricordo di Ugo Franchini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Pietre d'inciampo”: il 6 febbraio la posa di 4 pietre temporanee

ParmaToday è in caricamento