“Po Grande”: strategie di futuro per la Riserva MAB UNESCO

Assemblea plenaria a Piacenza. L’Università di Parma parte attiva del primo nucleo del comitato promotore. Il prof Viaroli: “La sfida è ricostruire il paesaggio fluviale, valorizzando i territori e la loro diversità”

Prima assemblea plenaria dei sindaci, nei giorni scorsi a Piacenza, per la Riserva MAB UNESCO “Po Grande”, dopo la proclamazione di poco più di un mese fa.

A Palazzo Gotico si sono riuniti i sindaci degli 83 comuni rivieraschi coinvolti e si è tenuto il  convegno “La riserva MAB UNESCO Po Grande: un’opportunità da cogliere” con la partecipazione anche degli altri soggetti che hanno creduto nel percorso della riserva, chiuso positivamente a Parigi con il riconoscimento UNESCO. Tra questi anche l’Università di Parma, parte attiva del primo nucleo del comitato promotore che, nel 2015, ha dato il via alla candidatura con i Comuni della Bassa parmense, reggiana, mantovana e cremonese, l’Autorità distrettuale del fiume Po e Legambiente. In particolare per l’Ateneo è stato impegnato fin dalle prime fasi Pierluigi Viaroli, docente di Ecologia al Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale, che ha partecipato con un  intervento al convegno di Piacenza.

Un appuntamento volto a fare il punto e a guardare avanti, a individuare strategie e a progettare il futuro della riserva integrando il capitale naturale con  la valenza economica, turistica, storico-culturale  del territorio in una prospettiva di sviluppo sostenibile.

Nel corso della giornata è stata tra l’altro annunciata l’attivazione di quattro tavoli tematici. Il primo, che si occuperà di biodiversità, obiettivi UNESCO 2030, sostenibilità, economia circolare, avrà come referenti l’Università di Parma e Legambiente.

“La riserva MAB-UNESCO non imporrà nuovi e ulteriori vincoli, ma potrà offrire opportunità di sviluppo per le comunità locali. In questo processo, la natura è il primo marchio di qualità di un territorio e dei suoi prodotti, tanto più se questo  ha una vocazione agro-alimentare così spiccata come quelli della riserva”, ha spiegatoPierluigi Viaroli, annunciando che nel progetto saranno coinvolti anche gli altri Atenei del territorio della riserva (le Università di Pavia e di Modena e Reggio, il Politecnico di Milano con le sedi di Piacenza, Cremona e Mantova, l’Università Cattolica del Sacro Cuore con i campus di Piacenza e Cremona). “Tutta questa grande area – ha continuato -è la spina dorsale di un sistema produttivo tra i primi in Europa, ma non solo: è natura, eno-gastronomia, arte, cultura. E la riserva è una grande opportunità di sviluppo in tutti questi settori. Ora la sfida è tutelare e, dove necessario, riparare e ricostruire il paesaggio fluviale, migliorando la diversità e la qualità dei territori”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prossima assemblea plenaria dei sindaci di “Po Grande” sarà a settembre, a Colorno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Parma, un positivo al covid: scatta il ritiro per la squadra

  • Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

Torna su
ParmaToday è in caricamento