menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ponte sul Po di Ragazzola: aperta la busta dell’offerta economica

Dopo 120 giorni di lavori verrà riaperto completamente al traffico nel doppio senso di marcia. Serpagli:”Continuiamo a lavorare spediti per la riapertura dei due ponti sul Po"

Stamattina, nella sede della Provincia di Parma, è stata aperta la busta dell’offerta economica della gara per i lavori del Ponte “Giuseppe Verdi” sul Po di Ragazzola – San Daniele Po.

Alla gara ha partecipato un’unica ditta: la Engeco srl di Milano, che era stata ammessa nella prima seduta pubblica della Commissione.
L’offerta tecnica era già stata valutata in una precedente seduta. Essendoci un unico partecipante, la Commissione dovrà valutare eventuali anomalie nella congruità dei prezzi offerti, poi si procederà all’aggiudicazione.

Engeco ha ribassato i costi di quasi il 15%, e ha ridotto i tempi di lavoro di 42 giorni. Una volta consegnati i lavori, quindi, questi dovranno essere conclusi in 120 giorni consecutivi.

Dopo questo intervento il ponte verrà riaperto completamente al traffico nel doppio senso di marcia.

La Provincia di Parma sta anche già attivando le procedure per l’intervento successivo, che utilizzerà i 6 milioni di euro stanziati a febbraio dallo Stato: con questo secondo cantiere si consoliderà l’intero ponte, con lavori che saranno effettuati al di sotto dell’impalcato, senza la chiusura al traffico del ponte.

“Questo è un altro importante passo verso l’apertura del ponte di Ragazzola a doppio senso di marcia: continuiamo a lavorare spediti verso la riapertura dei due ponti sul Po.” Afferma il Delegato alla Viabilità della Provincia di Parma Gianpaolo Serpagli.
.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma quasi 100 casi ma ci sono 7 decessi

  • Cronaca

    Vendeva cocaina in strada, arrestato nigeriano

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento