rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Attualità

Stop alla trascrizione dei figli di coppie omogenitoriali: il Comune in piazza con le associazioni Lgbtqi+

Presidio sabato 25 marzo in piazza Garibaldi: sarà presente anche l'assessore alle Pari Opportunità Caterina Bonetti

Dopo la manifestazione di Milano anche Parma scende in Piazza, simbolicamente davanti al Comune, per protestare contro lo stop alla trascrizione degli atti di nascita dei figli di coppie omogenitoriali.

Sabato 25 marzo 2023 alle ore 16.30 si terrà in Piazza Garibaldi un sit-in organizzato dalle Associazioni del Centro Antidiscriminazione "Un Arcobaleno per Parma" contro lo stop alla trascrizione dei figli delle coppie omogenitoriali e a tutela dei diritti della comunità lgbtq+.  Di recente il Governo ha emanato una  circolare con cui si è chiesto ai comuni di interrompere la registrazione di genitori non biologici negli atti di nascita di bambini con due padri o con due madri, e si è opposto ad una proposta di regolamento europeo sul tema.

Già dal 2021 il territorio di Parma aveva, al contrario, intrapreso un percorso significativo in ambito di diritti di parità, poichè diversi soggetti istituzionali, l’Amministrazione Comunale e realtà legate al volontariato, avevano sottoscritto un protocollo d’intesa interistituzionale a contrasto dell’omo-lesbo-bi-trans negatività.

Oltre ad una comunanza d’intenti, alcune delle realtà aderenti, con capofila il Comune di Parma, come segno tangibile dell’applicazione del protocollo sul territorio, hanno dato vita al Centro Antidiscriminazione Diffuso LGBT+ - “Un Arcobaleno per Parma”, un centro multidisciplinare, con sede in Via Bandini n.6, che offre un supporto concreto alla comunità lgbt+ del territorio attraverso l’accesso gratuito e sicuro a servizi psicologici, di advocacy, di accoglienza e altri percorsi legati all’esperienza dell’auto mutuo aiuto e del laboratorio teatrale con il fine di prendersi cura delle persone lgbt+ a 360° ed impattare concretamente nelle loro vite.

Il Centro Un arcobaleno per Parma che è diventato un punto di riferimento anche per tutte quelle realtà e quelle persone che, nelle loro attività, sono venute in contatto con utenza o con il tema dell’identità di genere e dell’orientamento sessuale invita ora a partecipare al sit in di sabato pomeriggio, che vedrà anche la presenza dell'Assessora alle Pari Opportunità del Comune di Parma Caterina Bonetti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop alla trascrizione dei figli di coppie omogenitoriali: il Comune in piazza con le associazioni Lgbtqi+

ParmaToday è in caricamento