rotate-mobile
Attualità

Provincia: "Programmazione scolastica: avanti così"

Il Consiglio provinciale ha confermato la programmazione scolastica in corso e approvato alcune delibere finanziarie. Approvata la prosecuzione del piano di controllo dei ponti

Stamattina il Consiglio provinciale ha approvato, con l’astensione del Gruppo Provincia Nuova, la Programmazione territoriale dell'offerta di istruzione e organizzazione della rete scolastica provinciale per l'anno scolastico 2022/23, illustrata dal Delegato alla Scuola Aldo Spina. Dopo una serie di consultazioni con le istituzioni scolastiche del territorio, non sono emerse necessità di modifiche, perciò è stata giudicata ancora adeguata l’offerta formativa attuale; è stata però avviata un’attività esplorativa per verificare la possibilità di introdurre modifiche sulle prossime annualità, in particolare per ampliare l’offerta professionale nella Montagna Ovest e per sostenere il superamento del vincolo di un’unica sezione di liceo sportivo sul territorio. 

Inoltre, rispondendo a un intervento di Cauzzi (IPT) sugli interventi futuri di edilizia scolastica, anche in relazione ai fondi PNNR, Spina ha messo in evidenza che “questo Consiglio lascia un’ottima eredità: chi arriva troverà numerosi progetti, che daranno risposta alle principali emergenze.” E ha citato i numerosi interventi svolti, sia per il miglioramento sia per la creazione di nuovi spazi. ”Entro dicembre sarà concluso l’ampliamento del liceo Sanvitale, è  in costruzione l’ampliamento del complesso di via Toscana, in progettazione l’ampliamento dell’Itis Galilei di San Secondo, e la realizzazione di un nuovo edificio per il polo Oltretorrente e una nuova palazzina per l‘Iitis Da Vinci, un nuovo edificio per l’ LTO – Accademy del Prosciutto  di Langhirano, inoltre ognuno dei nostri istituti è oggetto di verifiche progettuali. Dal PNNR non ci aspettiamo risorse per nuovi interventi, ma per dare continuità ai progetti in corso.”

E’ stata quindi approvata con l’astensione del Gruppo Provincia Nuova la quarta variazione del Programma Triennale dei lavori pubblici.
Il Vice Presidente Delsante ha messo in evidenza che questa variazione prevede interventi importanti sui ponti, e la sistemazione della strada di Fragno di Calestano, interessata da anni da una frana storica, che dovrebbe essere così risolta.
L’ing. Monteverdi, dirigente del Servizio Viabilità, ha spiegato che entro il prossimo giugno si attende un nuovo impulso nazionale sul monitoraggio della viabilità locale, che si auspica supportato da nuovi finanziamenti. La Provincia ha già in corso la verifica di ponti e strade, con 850 ponti e 115 frane attive si dovranno stabilire le priorità degli interventi.

E’ stato quindi approvato con l’astensione del Gruppo Provincia Nuova l’aggiornamento al Programma biennale degli acquisti di beni e servizi 2021/22 e approvata col voto contrario del Gruppo Provincia Nuova la settima variazione al Bilancio di Previsione 2021 – 2023. Entrambe sono state illustrate dal Dirigente del Servizio Finanziario dott. Menozzi, che ha messo in rilievo in particolare le minori entrate, di oltre 2 milioni e 400 mila euro, di cui quasi un milione e 700 mila dovute alla contrazione delle vendite di automobili e RcAuto, dovuta principalmente ai ritardi nelle consegne di nuovi veicoli, per cui la situazione dovrebbe assestarsi l’anno prossimo.

La seduta si era aperta con un’interrogazione dei consiglieri Quintavalla, Saglia Codeluppi e Chiussi di Provincia Nuova a proposito della Sp 359R, in particolare sul ponte tra Pelosa e Pontestrambo, interessato nei giorni scorsi da un incidente che avrebbe potuto avere conseguenze tragiche.
Il Delegato alla Viabilità Bertocchi ha risposto che è già in progetto un intervento per mettere in sicurezza tutti i ponti di quella strada provinciale, da Bedonia al Passo del Bocco, e le relative barriere ammalorate; sui due primi ponti i lavori sono già avviati, con la posa di newjersey e semafori.

A fine seduta il Vice Presidente Delsante ha salutato e ringraziato a nome del Consiglio e di tutto l’Ente la dott.ssa Rita Alfieri, Segretario generale che dopo 10 anni in Provincia lascia l’Ente per andare in pensione il prossimo 1° dicembre; ai saluti, e agli auguri, si sono associati a nome dei rispettivi gruppi, Saglia Codeluppi, Cauzzi, De Maria, Magni, Bertocchi.
Alfieri ha ringraziato tutti gli amministratori e i colleghi dell’Ente, con cui ha ricordato di avere ha superato anni difficili, “ma l’Ente è in buone mani, con una dirigenza in grado di supportare la nuova amministrazione” ha affermato, dicendosi anche contenta per il ripensamento in corso da parte del legislatore sul ruolo delle Province. Congedandosi, ha augurato all’Ente un futuro di successo per il supporto, la crescita e la promozione del territorio.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia: "Programmazione scolastica: avanti così"

ParmaToday è in caricamento