rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Attualità

Quanto conta la carriera? A Parma moltissimo

Per oltre il 70% dei lavoratori è fondamentale. Sul posto di lavoro, i dipendenti parmigiani mettono al primo posto l’avere uno stipendio adeguato (85%)

In Emilia Romagna solo il 27% dei lavoratori si dichiara pienamente soddisfatta della propria posizione lavorativa e circa il 52% si sente abbastanza apprezzato e stimato sul posto di lavoro.  Sono tra le principali evidenze di “Le nuove lenti per il mercato del lavoro”, la ricerca nazionale firmata MAW, l’agenzia per il lavoro e parte di W-Group, con un campione di oltre 2600 lavoratori italiani (di cui circa un 15% proviene dall’Emilia Romagna), che ha l’obiettivo di indagare bisogni, desideri e priorità dei lavoratori italiani ed emiliano-romagnoli in un momento di grandi sfide per il settore, e per fornire alle imprese uno strumento utile ad affrontare l’incremento del mismatching tra domanda e offerta di lavoro.

I BISOGNI LAVORATIVI DEGLI EMILIANO-ROMAGNOLI

Sul posto di lavoro, i dipendenti emiliano-romagnoli mettono al primo posto l’avere uno stipendio adeguato (78%): a Bologna lo indica il 74%, a Forlì-Cesena il 69%, a Reggio Emilia il 77%, a Modena e Ravenna l’81%, a Parma e Piacenza l’85% e a Rimini l’86%.

Oltre allo stipendio, i lavoratori emiliano-romagnoli desiderano anche un bel clima lavorativo (73% per Ferrara, 63% per Bologna, 58% per Modena, 55% per Reggio Emilia, 43% per Rimini, 54% per Piacenza e 56% per tutta l’Emilia Romagna), un ambiente confortevole (47% in Emilia Romagna di cui 64% a Ferrara, 40% a Bologna, 46% a Modena, 50% a Parma, 43% a Rimini, 38% a Piacenza, 44% a Reggio Emilia, 73% a Ravenna), un luogo dove ci siano possibilità di crescita professionale (41% in generale, 66% a Ferrara, 44% a Reggio Emilia e Modena, 43% a Bologna, 45% a Parma, 23% a Piacenza e solo il 14% a Rimini) e bassi livelli di stress (29% in tutta la regione, 30% a Ravenna, 37% a Reggio Emilia, 27% a Modena e Ferrara) e dove i carichi di lavoro siano adeguati (39% in generale, 44% a Reggio Emilia, 43% a Modena, 38% a Piacenza, 36% a Ferrara, 31% a Ravenna, 29% a Bologna e solo il 14% a Rimini).

Anche la vicinanza del lavoro a casa è un aspetto particolarmente importante per il 43% dei lavoratori di Rimini e per il 29% di quelli di Reggio Emilia, mentre lo è meno per i lavoratori piacentini (solo 15%) dove invece contano di più gli orari di lavoro flessibili (54%). La condivisione dei valori aziendali conta molto a Rimini (43%) rispetto ad altre province (come Modena e Piacenza dove conta solo per il 15%) e benefit e welfare vanno per la maggiore a Modena (42%), Piacenza (46%) e Parma (30%).

La carriera è molto importante per il 53% degli intervistati emiliano-romagnoli (la media nazionale è del 55%) ma, paragonata ad altri aspetti personali, si classifica al quarto posto dopo famiglia, realizzazione personale, e vita privata in generale. In particolare, a Bologna conta molto per il 42% del campione, per il 46% dei lavoratori della provincia di Forlì-Cesena, per il 56% a Modena e a Reggio Emilia, per il 54% a Ravenna, per il 57% a Rimini e addirittura per il 70% a Parma e il 73% a Ferrara, mentre solo per il 38% a Piacenza.

I BENEFIT AZIENDALI

I benefit sul posto di lavoro svolgono un ruolo determinante nell’attrarre, coinvolgere e trattenere i talenti. Dall’analisi emerge tuttavia un parziale scollamento tra l’offerta dei datori di lavoro e i desiderata dei dipendenti in materia di benefit: il 33% dei rispondenti emiliano-romagnoli, infatti, non ne percepisce nessuno. Un dato comunque decisamente più positivo rispetto alla media nazionale di coloro che non percepiscono benefit, pari al 38%.

I maggiormente diffusi sono i buoni pasto (percepiti dal 41% dei lavoratori e in particolare dal 51% a Bologna, dal 56% a Piacenza, dal 48% a Reggio Emilia, dal 25% a Ferrara, dal 31% a Modena, dal 24% a Parma). A Bologna sono particolarmente concessi il telefono aziendale (18%), lo smart working e i pacchetti welfare con società terze (27%).

La formazione ha un ruolo nella vita dei lavoratori: il 29% ne ha accesso a Parma, il 25% a Ferrara, il 22% a Piacenza e a Reggio Emilia, e il 19% a Bologna. A livello regionale, i benefit più ambiti sono i bonus in denaro (53%), seguiti dai buoni pasto (34%), e dai pacchetti welfare con società terze (14%).

I RAPPORTI SUL LUOGO DI LAVORO

Sul lavoro sono fondamentali i rapporti umani, di cui i colleghi sono un pezzo insostituibile. Dalla ricerca MAW è emerso anche che il rapporto con i colleghi è tra le principali ragioni (29%) per cui i lavoratori decidono di restare nell’attuale posto di lavoro. Altre ragioni sono la vicinanza della sede di lavoro a casa (28%), il trovarsi bene con il proprio capo (13%). L’ambiente sui luoghi di lavoro, si sa, lo fanno le persone. Il rapporto con i propri colleghi è amichevole per il 63% dei dipendenti emiliano-romagnoli, di fiducia per il 31% e stimolante per il 20%, anche se per un 22% è comunque migliorabile. Anche il rapporto con il proprio superiore è determinante per sentirsi a proprio agio sul posto di lavoro. In generale si registrano rapporti positivi con questa figura apicale, per il 35% è amichevole, per il 33% è di fiducia e per il 34% è migliorabile. A Bologna il rapporto con il capo è principalmente di fiducia (42%) e migliorabile (36%) e distaccato (20%). Sono poi state individuate le migliori caratteristiche che un leader dovrebbe avere: compare al primo posto il saper ascoltare (48%), seguito dall’essere in grado di valorizzare i talenti (39%), dal saper stimolare il lavoro in team (31%), e dalla capacità di dare fiducia. Circa sei emiliano-romagnoli su dieci non hanno lasciato il loro “miglior” datore di lavoro, ovvero colui o colei che incarnava tutte queste caratteristiche.

LA DECISIONE DI CAMBIARE LAVORO

I lavoratori emiliano-romagnoli che hanno deciso di cambiare lavoro almeno una volta nel corso della sua vita professionale (62%), lo ha fatto perché si è sentito sfruttato (27%), non valorizzato o perché non si trovava bene con il proprio capo (entrambe al 17%) o per i carichi di lavoro eccessivi che non consentivano di avere un buon bilanciamento vita-lavoro (16%). A dichiararsi insoddisfatti della scelta compiuta è stato solo il 12% dei lavoratori emiliano-romagnoli. Di questa percentuale, solo il 2% tornerebbe al lavoro precedente. Nell’indirizzare la scelta del cambio lavoro, la tipologia di contratto offerto ha contato per il 59%, seguito dalla vicinanza a casa (51%), la flessibilità di orario (45%), la possibilità di fare carriera (37%).

IL CAMPIONE EMILIANO-ROMAGNOLO

Gli intervistati provengono dai settori più svariati (da Metalmeccanica, Alimentare, Servizi, Commercio, Chimica, Gommaplastica, PA, Trasporto e Multiservizi). La maggior parte (91%) lavora in aziende con più di 50 dipendenti. Il 36% è assunto con contratto di somministrazione, il 33% direttamente in azienda e il 20% è disoccupato in cerca di lavoro. Le percentuali indicate per le domande con risposta multipla mostrano l'incidenza del dato sul totale del campione intervistato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quanto conta la carriera? A Parma moltissimo

ParmaToday è in caricamento