menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Restiamo Umani': a Parma la marcia per ricordare i migranti morti nel Mediterraneo

Domani verranno installate un migliaio di barchette di cartone

La marcia“Restiamo Umani”, uniti per i diritti di tutti, ha fatto tappa a Parma venerdì 26 luglio e replicherà domani, sabato 27. I rappresentati della marcia saranno presenti anche sabato 27 luglio, dalle 8.30 alle 14, in piazza Garibaldi per la declamazione dei nomi dei 34.361 migranti morti fino al 5 maggio del 2018, rilevati dai registri ufficiali della burocrazia Europea, contestualmente verranno installate un migliaio di barchette di carta azzurre per ricordare i morti sulla rotta del Mediterraneo.

L'iniziativa ha preso avvio il 20 giugno da Trento e si articola in diversi percorsi. 

E' promossa da John Mpaliza, attivista per i diritti umani e camminatore per la pace, cittadino italiano di origine congolese, in Italia da 26 anni e, da quasi un decennio, impegnato nell'organizzazione di marce nazionali ed internazionali per promuovere la pace e il rispetto dei diritti umani. Vede il patrocinio del Comune di Parma ed il coinvolgimento de “L'Italia che Resiste”e di diverse associazioni e comitati del territorio. 

Vuole ricordare le decine di migliaia di persone che sono morte cercando di entrare in Europa per fuggire da guerre, povertà e torture, in nome di una società solidale, che presti aiuto a chi è in difficoltà, senza pregiudizi, per abbattere i muri che vengono costruiti contro stranieri e diversi e costruire ponti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Attualità

Temporali e piene dei fiumi: allerta rossa nel parmense

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 58 casi e 2 decessi

  • Sport

    Parma-Samp LE ULTIME | Conti è pronto, Kucka nel tridente

  • Cronaca

    Allerta meteo, monitoraggio fiume e corsi d'acqua

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento