Riaprono i mercati tranne quelli dell'usato: ecco tutte le regole

Tutte le misure di sicurezza

Per consentire la ripresa dell’attività dei mercati ordinari e straordinari, delle fiere, dei mercatini degli hobbisti e dei posteggi, interrotti in funzione del contenimento del Coronavirus, è stata approvata fino al 14 giugno 2020 (automaticamente estesa oltre in caso di conferma delle disposizioni) una disciplina temporanea, basata sulle disposizioni nazionali e regionali, che prevede misure e condizioni di sicurezza per gli operatori e gli utenti in grado di consentire una ripresa dell'attività graduale e ordinata così come è stato per i mercati alimentari.

Tutti gli operatori che vorranno riprendere il loro esercizio dovranno attenersi a una serie di norme precise, così come dovranno fare gli utenti: la responsabilità e correttezza di ciascuno saranno strumenti fondamentali per tutelare la salute di tutti, operatori, collaboratori e clienti.

In sintesi, per poter riprendere l'attività da parte degli operatori dovranno essere rispettate le seguenti misure: mantenimento in tutte le attività e le loro fasi del distanziamento interpersonale; accessi regolamentati e scaglionati in funzione degli spazi disponibili, differenziando, quando possibile, i percorsi di entrata e di uscita; ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani, in particolare, accanto ai sistemi di pagamento; uso dei guanti "usa e getta" nelle attività di acquisto, particolarmente per l’acquisto di alimenti e bevande; utilizzo di mascherine sia da parte degli operatori che da parte dei clienti, e, quando non fosse possibile, distanziamento interpersonale di almeno un metro; informazione per garantire il distanziamento dei clienti in attesa di entrata, all’accesso dei mercati, e per sensibilizzare la clientela sui corretti comportamenti.

Tutti i fruitori infatti dovranno attenersi alle norme segnalate sui cartelli posti agli ingressi, ovvero: dovranno accedere all’area mercatale soltanto dagli ingressi autorizzati, dovranno seguire i percorsi di accesso e di deflusso, identificati tramite adeguata cartellonistica, dovranno seguire le indicazioni del personale di servizio posto all’ingresso e naturalmente dovranno rispettare sempre la distanza interpersonale di sicurezza e indossare mascherina e guanti monouso, da gettare poi correttamente nei rifiuti indifferenziati.

Ai sensi dell’ordinanza regionale e del protocollo in essa contenuto, il Comune di Parma, d’accordo con le associazioni di categoria, ha deciso di sospendere la vendita di beni usati nei mercati ordinari comunali. Pertanto gli operatori dei mercati cittadini non potranno vendere merce usata. Sono esclusi da tale divieto le manifestazioni e i mercatini a merceologia esclusiva di antiquariato e vintage per i quali sarà necessario prevedere le opportune operazioni di igienizzazione.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Covid, oggi si decide: Parma potrebbe tornare in zona gialla

Torna su
ParmaToday è in caricamento