menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ricerca Coronavirus: ecco i vincitori del bando straordinario dell’Università di Parma

Dall’Ateneo 300mila euro per 6 progetti di ricerca biomedica in ambito SARS-CoV-2 e COVID-19

Sono sei i progetti vincitori del bando straordinario dell’Università di Parma per finanziare ricerche sul Coronavirus, emesso dall’Ateneo lo scorso maggio con l’intento di ampliare la conoscenza dell’infezione da SARS-CoV-2 e della malattia ad essa associata (COVID-19). 300mila euro il contributo complessivo dell’Ateneo, volto supportare progetti interni di ricerca in diversi ambiti operativi: patogenesi di COVID-19 immunità verso SARS-CoV-2 sviluppo di tecniche diagnostiche innovative verso SARS-CoV-2 farmaci mirati e approcci terapeutici innovativi verso COVID-19 presidi immunizzanti e dispositivi di protezione individuali verso SARS-CoV-2.

Al bando hanno risposto ben 36 gruppi di ricerca dell’Ateneo, principalmente dal Dipartimento di Medicina e Chirurgia, ma con significative partecipazioni anche dai Dipartimenti di Scienze degli Alimenti e del Farmaco, di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità ambientale e di Ingegneria e Architettura. Come riconosciuto dalla Commissione valutatrice appositamente nominata dal Rettore, la maggior parte dei progetti presentati era di alto profilo e sicuramente meritevole di essere finanziata. Stilare una graduatoria ha quindi richiesto una meticolosa analisi dei progetti, basata sui criteri di valutazione identificati nel bando. La graduatoria finale è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 10 settembre.

Qui di seguito i sei progetti vincitori

Morbilità e mortalità da Covid-19 nel diabete mellito di tipo 2: possibile ruolo del macrofago e impatto di farmaci anti-diabete - Proponente Prof. Riccardo Bonadonna, Dipartimento di Medicina e Chirurgia (ambito Patogenesi di COVID-19), 51.000 euro
L'interazione tra il recettore umano ACE2 e la proteina Spike di SARS-CoV-2 come bersaglio di un approccio integrato volto a prevenire l'internalizzazione del virus – Proponente Prof.ssa Barbara Montanini, Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale (ambito Farmaci mirati e approcci terapeutici innovativi verso COVID-19) 47.700 euro
Peptidomimetici su Misura per Arrestare l’Ingresso di SARS-CoV-2 – Proponente Prof.ssa Franca Zanardi, Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco (ambito Farmaci mirati e approcci terapeutici innovativi verso COVID-19), 52.100 euro
Biosensoristica innovativa per i test sierologici e molecolari e nuovi dispositivi PoCT per la diagnosi di infezione da SARS-CoV-2 – Proponente Prof.ssa Maria Careri, Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale (ambito Sviluppo di tecniche diagnostiche innovative verso SARS-CoV-2), 45.100 euro
COVIDbiome: an integrated multi-omics investigation of the relationship between severity of SARS-CoV-2 clinical outcomes and human microbiomes – Proponente Prof. Marco Ventura, Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale (ambito Patogenesi di COVID-19 - Immunità verso SARS-CoV-2), 52.100 euro
Full-genome sequencing of SARS-CoV-2 strains from the province of Parma; phylogenetic and clinical correlations – Proponente Prof. Enrico Maria Silini, Dipartimento di Medicina e Chirurgia (ambito Patogenesi di COVID-20), 52.000 euro
«L’Università di Parma, fortemente impegnata sul fronte della ricerca in tutti i campi del sapere, ha voluto esprimere anche in questo caso il proprio convinto sostegno a iniziative inerenti alla lotta contro l’infezione da SARS-CoV-2 – afferma il Rettore Paolo Andrei –. Si tratta di un’azione specifica, correlata all’emergenza sanitaria che stiamo ancora affrontando, che si inserisce a pieno titolo nella politica più generale di Ateneo rivolta a promuovere e a sostenere tangibilmente le attività di ricerca dei propri docenti e ricercatori».

Per il Pro Rettore alla Ricerca Roberto Fornari, che ha coordinato i lavori della Commissione valutatrice, «è un peccato che le risorse finanziarie destinate a questo bando fossero limitate perché i progetti meritevoli di supporto erano certamente ben più di sei. Va anche notato che, indipendentemente da questo bando, il contributo dei nostri docenti alle nuove conoscenze sul Coronavirus e la malattia COVID-19 è già estremamente rilevante, come testimoniato dagli oltre cento articoli su questi argomenti pubblicati da docenti del nostro Ateneo dall’inizio dell’emergenza sanitaria ad oggi».   
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento