menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riqualificazione dell’Anna Frank: da settembre gli alunni nell’istituto di via Saffi  

Ieri l’incontro tra l’amministrazione comunale, i rappresentanti dei genitori della primaria Anna Frank e materna Sergio Neri

A quasi un mese dall’annuncio dell’Amministrazione comunale sulla necessità di rivedere la programmazione degli interventi del plesso di via Pini, vista la presenza modesta di amianto nell’intonachino di finitura delle strutture prefabbricate, ieri si è fatto il punto in un incontro tra il Comune, i rappresentanti dei genitori degli alunni della primaria Anna Frank e materna Sergio Neri, il Consiglio d’Istituto e una rappresentanza della Dirigenza scolastica, al fine di individuare la migliore ricollocazione degli studenti in vista del nuovo anno scolastico.

Durante l’incontro, il Comune ha fatto sapere che i nuovi interventi di riqualificazione dell’Anna Frank e della materna Sergio Neri avranno una durata di circa 3 anni, mentre la stima del costo complessivo della ristrutturazione sarà di 6 milioni di euro. L’investimento permetterà il completamento della riqualificazione integrale del plesso scolastico di via Pini, sia dal punto di vista della bonifica amianto che dal punto di vista del miglioramento sismico dell’edificio esistente, oltre alla realizzazione di un modesto ampliamento che ospiterà la materna Sergio Neri, dando così risposta alle esigenze di nuovi spazi dedicati alla scuola primaria Anna Frank. Ciò ha determinato la necessità di avviare l’anno scolastico 2019/2020 presso una sistemazione provvisoria individuata nella scuola di strada Aurelio Saffi, considerata anche dai genitori e dagli insegnanti la soluzione di gran lunga migliore rispetto all’utilizzo di prefabbricati provvisori o al frazionamento degli alunni in più plessi scolastici. 

Agli studenti dell’Anna Frank e della Sergio Neri sarà garantito il servizio di trasporto pubblico, con una contribuzione di spese da parte del Comune di Parma per una cifra superiore ai 250 mila euro, e da parte delle famiglie con un costo equivalente all’attuale servizio Happy Bus. A partire dal prossimo anno scolastico, si precisa che tale principio varrà per tutti i plessi soggetti a riqualificazione, come la scuola Newton, che si avvarranno di trasporti pubblici specifici per la ricollocazione provvisoria degli alunni.

Inoltre, sono stati informati i rappresentanti dei genitori che la scuola di via Saffi sarà soggetta, nel periodo estivo e fino alla fine del mese di Ottobre, a modesti interventi di manutenzione straordinaria dell’edificio che necessariamente limiteranno, fino alla conclusione dei lavori, l’utilizzo dei cortili scolastici e di alcuni spazi interni secondari a corredo della didattica. Ciò non pregiudicherà in alcun modo lo svolgersi delle lezioni.

Infine, con l’obiettivo di rendere il più partecipato e trasparente possibile il percorso che porterà all’utilizzo del plesso di via Saffi, l’amministrazione ha già annunciato la necessità di un nuovo incontro con i rappresentanti dei genitori e il consiglio di istituto prima dell’inizio dell’anno scolastico.

All’incontro con i rappresentanti dei genitori e del consiglio di istituto hanno partecipato il sindaco Pizzarotti, l’assessore ai Lavori Pubblici Michele Alinovi e l’assessore ai Servizi Educativi Ines Seletti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 134 contagi e 2 morti

  • Cronaca

    Omicidio di via Volturno: Patrick Mallardo non risponde al Gip

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento