Roccabianca, 43enne ha due mariti: denunciata per bigamia

La donna, durante un viaggio in India si è sposata con un indiano ma il matrimonio in Italia era ancora valido

Era ancora ufficialmente sposata in Italia ma ha deciso di sposarsi anche in India, durante un viaggio recente, unendosi in matrimonio ad un uomo indiano. Una 43enne di Roccabianca è finita nei guai ed è stata denunciata per bigamia e per false attestazione a pubblico ufficiale. Nel nostro Paese la donna aveva iniziato le pratiche di separazione dal marito ma non le aveva portate a termine e prima di aspettare l'ufficializzazione del divorzio ha deciso di avere un altro marito. La 43enne ha anche presentato un'attestazione falsa all'ambasciata, dove risultava non sposata ma le verifiche effettuate hanno permesso di risalire alla verità. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto da un furgone e sbalzato contro una moto: ciclista 45enne gravissimo

  • A Parma il primo impianto dello stimolatore capace di interrompere i segnali di dolore al cervello

  • Devasta la stazione rischiando di far deragliare un treno: arrestato 21enne tunisino

  • Incidente sull'Asolana: moto contro un'auto, muore 50enne motociclista

  • Coronavirus, è il giorno 'zero': né decessi, né contagi

  • Tragedia in Appennino: trovato morto escursionista 55enne parmigiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento